Più videosorveglianza in centro, comandante Dongiovanni: «A lavoro per la sicurezza urbana» | Password Magazine

Festival Pergolesi

Più videosorveglianza in centro, comandante Dongiovanni: «A lavoro per la sicurezza urbana»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Il Comandante Dongiovanni illustra l'area della città interessata dall'impianto di videosorveglianza.

JESI – Sistemi di videosorveglianza di ultima generazione e nuove assunzioni per una Polizia locale sempre più impegnata sul fronte della sicurezza urbana. Queste le prime azioni del nuovo comandante di Polizia locale Giovanni Dongiovanni, entrato in servizio lo scorso 15 dicembre.
Subentrato all’ex dirigente Cristian Lupidi, Dongiovanni è stato nominato dal sindaco Massimo Bacci al termine di una selezione che aveva visto la partecipazione di nove candidati. Originario di Milano, 40 anni, il nuovo comandante della Polizia locale di Jesi ha alle spalle una ventennale esperienza in diversi comuni dell’hinterland milanese, passando da agente a responsabile fino a diventare capo della Municipale di San Giuliano Milanese. Comandante e anche formatore di colleghi, è stato impegnato in attività operative in ambito di Polizia giudiziaria e sicurezza urbana, ricevendo anche riconoscimenti importanti come la Croce di Merito della Regione Lombardia per arresti eseguiti in contrasto al traffico di stupefacenti in luoghi pubblici e quello di “Vittima del dovere” dal Capo della Polizia e Direttore generale della Pubblica Sicurezza perché ferito in modo grave, il 4 settembre 2010, nel corso di operazioni di polizia giudiziaria volte al contrasto di spaccio e consumo di stupefacenti.

«Un comandante di altissimo profilo che sono certo potrà dare un’ulteriore impulso alle attività della Polizia locale cittadina» fa sapere il sindaco Massimo Bacci. «Darò continuità all’operato dell’ex dirigente Lupidi  – spiega il nuovo Comandante -. Il suo lavoro, svolto egregiamente, sono già ottime basi di partenza. Continuerò su questo percorso, effettuando anche dei cambiamenti e cercando di dare un’ulteriore contributo sul fronte della sicurezza urbana e della tutela del cittadino». Nel primo mese dall’insediamento, in particolare nel periodo che va dal 18 dicembre al 9 gennaio, sono già stati effettuati numerosi controlli anti-covid in centro storico con 56 postazioni in centro storico e una sola violazione contestata a una persona che non indossava la mascherina. Nello stesso arco di tempo, sono state invece 74 le sanzioni elevate per sosta irregolare.

20220114_120459

Inoltre, sono state installate 21 nuove telecamere di videosorveglianza, già operative, nelle vie e piazze principali del centro storico cittadino: piazza della Repubblica, Arco del Magistrato, piazza Spontini, piazza Indipendenza, piazza delle Monachette, via Roccabella, Costa Pastorina, via Ballardini, vicolo Galvani, via Costa lombarda e via Ripanti.

WhatsApp Image 2022-01-14 at 11.59.00 (1)

«Sono dispositivi all’avanguardia, cablati in fibra e a maggior velocità in cavidotto- aggiunge Dongiovanni – . Queste telecamere registrano da 4 a 8 pixel per creare una maggiore copertura e costituiscono uno strumento innovativo, riuscendo a scindere persone umane dai veicoli». Il sistema, in particolare, è in grado di effettuare videoanalisi che velocizzano le indagini. Ogni volta che si ricerca una presenza umana, ad esempio, vicino a un veicolo selezionato, si aprono dei segnalibri che l’operatore può aprire e visualizzare, ricercando elementi utili all’indagine. Il tutto nel rispetto delle esigenze di privacy, fornendo materiale anche alle altre forze di polizia per le indagini tradizionali. Le immagini sono visionabili dal comando anche se, attualmente, non c’è un operatore addetto alla visione diretta:  «Questo potrebbe essere un ulteriore salto di qualità da fare nel medio periodo e che ci consentirebbe di effettuare un’attività immediata sul territorio in caso si riscontrassero criticità». Attualmente il Comando di Polizia locale jesino conta 30 agenti e sono in programma due nuove assunzioni full time e due part-time a tempo indeterminato.

«La scelta di installare il nuovo impianto di videosorveglianza dà priorità alle criticità del territorio, individuando risorse per finanziare l’intervento – precisa Bacci -. Abbiamo deciso di collocare le nuove spycam in centro storico, sostenendo questo investimento nella speranza che possa rappresentare un deterrente verso quei frequentatori della parte storica della città che adottano atteggiamenti non consoni e con modalità non condivisibili».

A cura di Chiara Cascio

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.