Sanità, a Jesi confronto con i vertici regionali: «Centralità del Carlo Urbani» | Password Magazine
Banner-Hedone
hedone

Sanità, a Jesi confronto con i vertici regionali: «Centralità del Carlo Urbani»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Nuovo piano socio-sanitario, un incontro per illustrarlo.

Il Comune di Jesi ha ringraziato il presidente della Regione Francesco Acquaroli, l’assessore alla sanità Filippo Saltamartini, tutti i Sindaci e gli operatori sanitari che hanno preso parte all’incontro di ieri, prima tappa di un percorso di condivisione del nuovo piano socio-sanitario. «È stata l’occasione – si legge in una nota stampa- per ribadire la centralità dell’ospedale di Jesi all’interno dell’Area Vasta, auspicando che il nuovo Piano dia una visione ben chiara in questo senso sia sotto il profilo del personale che delle tecnologie. Durante  la pandemia, del resto, il Carlo Urbani ha dato prova di tutte le proprie potenzialità, così come oggi sta rispondendo in maniera appropriata alla domanda di interventi che erano stati ridotti proprio per affrontare appieno l’emergenza Covid».

Nel corso dell’incontro sia il sindaco Massimo Bacci che l’assessore alla sanità Marialuisa Quaglieri hanno ribadito «l’importanza del ritorno dell’Unità complessa di Pneumologia, così come la necessità di migliorare il pronto soccorso e infine di sistemare e rimettere pienamente in funzione per finalità specifiche il vecchio Murri che offre potenzialità da non sottovalutare nell’ottica di servizi sanitari e sociali strettamente connessi con l’attività ospedaliera. Auspicate allo stesso tempo una maggiore attenzione per i soggetti più fragili, e dunque la necessità di implementare le risorse in questo ambito, così come assolutamente fondamentale diventa una attività di ascolto e di intervento verso la fascia adolescenziale, la più colpita, sotto il profilo psicologico, dalla pandemia».

Nell’ambito della discussione – in cui si è avuto modo di apprezzare gli interventi di primari del Carlo Urbani e rappresentanti sindacali di categoria – «positivo è stato anche l’impegno dei vertici della Regione Marche nel dare pieno sostegno al regolamento di Area Vasta e alla conseguente opportunità che sia il comitato dei sindaci il luogo deputato dove affrontare le scelte di natura sanitaria per il territorio di riferimento».

IL TRIBUNALE PER I DIRITTI DEL MALATO «NOI NON INVITATI ALL’INCONTRO». «Ancora una volta Regione e sindaco ci hanno completamente ignorati – tuona il coordinatore Pasquale Liguori – hanno fatto il loro incontro in camera caritatis (sembrerebbe con sindacati e medici ospedalieri) senza dare voce alle istanze della cittadinanza che sulla questione sanitaria avrebbe avuto molto da dire. A chi attribuire la mancata convocazione delle associazioni e dei cittadini? Noi pensiamo che sarebbe stato onere del Sindaco invitarci al tavolo dell’incontro – aggiunge – Ma noi non assolviamo nemmeno la Regione, nella persona del suo presidente e del suo assessore, che a loro volta non ci hanno mai concesso udienza alle nostre richieste. Con rabbia e grande delusione, dobbiamo purtroppo prendere atto che la Regione di qualunque colore politico si vesta non cambia il suo atteggiamento nei confronti dei cittadini e delle associazioni che li rappresentano».

 

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.