Sanità, servizio pubblico intasato e caro-ticket: i malati costretti al privato | | Password Magazine
Lulù  

Sanità, servizio pubblico intasato e caro-ticket: i malati costretti al privato

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

 

JESI – Come ogni anno il Tribunale per i Diritti del Malato (TDM) fa il resoconto delle segnalazioni ricevute.
“Quest’anno ne sono pervenute 156 ed hanno riguardato: le difficoltà di accesso alle prestazioni, riduzione dei posti letto e delle sedute operatorie, mancata manutenzione delle strutture e delle apparecchiature, difficoltà nel rapporto con medici di famiglia, pediatri e guardia medica, lentezza nella procedura di riconoscimento della invalidità e dell’handicap, maggiori criticità nella rete dell’emergenza-urgenza”  fa sapere il presidente del TDM Pasquale Liguori. “Non sono mancate le richieste di assistenza medico-legale per presunti danni da interventi chirurgici. Inoltre, se lo scorso anno abbiamo più volte denunciato che i cittadini si stavano rassegnando a considerare il privato e la libera professione come prima scelta quest’anno ne abbiamo avuto la prova: le persone stanno sempre più ricorrendo al privato per tutte quelle prestazioni a più basso costo ( ecografie,esami del sangue, rx etc) non perché non vogliono usufruire del SSN ma perché vivono ogni giorno l’assurdo di liste di attesa lunghissime  oltre che il peso dei ticket“.

Dettaglio segnalazioni

Accesso alle prestazioni: il 60 % delle segnalazioni hanno  riguardato le liste di attesa che, se per la diagnostica e le visite hanno confermato le tempistiche  dello scorso anno, si sono decisamente allungate quelle per interventi chirurgici ( ortopedia in testa per circa il 40 % delle segnalazioni)

Errori sanitari: il numero dei casi trattati è di 12 ; i presunti errori pesano in prima battuta nell’area diagnostica e chirurgica, nessuna segnalazione per quel che concerne l’area delle terapie. Le aree interessate ai presunti errori sono state quelle della ortopedia, odontoiatria , ginecologia ostetricia e urologia. Da una disamina più dettagliata dei casi di presunti errori  giunti al nostro servizio in due casi su tre ( 60%) il Tribunale dei Diritti del Malato ha sconsigliato l’azione legale  in quanto mancava il nesso di causalità. Dato importante da sottolineare è che sulle denunce fatte dai cittadini ha inciso in maniera determinante  la mancanza di un’adeguata informazione fornita al paziente.

Medicina sul territorio

In aumento deciso le segnalazioni ( più di un terzo) ricevute per problemi con medici di famiglia, pediatri e guardie mediche riferite a rifiuto di visita a domicilio, di prescrizioni da parte del medico, per gli orari inadeguati di ricevimento oltre che per la gestione degli accessi degli informatori scientifici. In tema di RSA un terzo delle segnalazioni ha riguardato la scarsa assistenza medico-infermieristica  oltre che  i costi eccessivi delle rette. In termini di riabilitazione il cittadino ha lamentato i lunghi tempi di attesa per accedere alle terapie con conseguente ricorso al privato.

Attese al Pronto Soccorso

Mai come quest’anno (più 60% ) le lamentele dei pazienti hanno riguardato le lunghe  attese al PS per quanto concerne i codici verdi e bianchi. con casi di pazienti che sono stati 12 ore  in attesa prima di essere visitati.

Comunicato da: Tribunale Diritti del Malato

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.