Torna il Barocco con "Pimpinone" al Piccolo | Password Magazine
Festival Pergolesi  

Torna il Barocco con “Pimpinone” al Piccolo

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Nuovo appuntamento con il Festival Barocco delle Marche in sinergia con la Rassegna “Jesi Barocca”, giovedì 23 settembre alle ore 21 presso il teatro “Il Piccolo”. Andrà in scena “Pimpinone”, partitura del compositore veneziano Tomaso Albinoni, per ricordarne la ricorrenza del 350° dalla nascita.

Il festival, prodotto dalla Fondazione “Alessandro Lanari” con il sostegno della Regione Marche e diretto da Gianni Gualdoni, propone in questo settimo appuntamento uno spettacolo in forma di concerto, in ottemperanza alle norme anti-Covid. Sono protagonisti il mezzosoprano Aloisa Aisemberg che interpreterà Vespetta e il basso-baritono Niccolò Porcedda nel ruolo di Pimpinone, accompagnati dall’Orchestra Barocca delle Marche diretta da Lorenzo Antinori.

La storia racconta delle rivendicazioni di emancipazione di Vespetta, astuta cameriera che riesce a farsi assumere dal ricco Pimpinone, convincendolo poi a sposarla. Solo dopo le nozze la cameriera mostrerà il suo vero volto di donna volubile e capricciosa, incline a spese folli rispetto alle quali il marito non potrà far altro che cedere.

Al centro il tema dell’affermazione femminile nella società, ben 25 anni prima della “Serva padrona” di Pergolesi. Un’inedita modernità che racconta l’affrancamento “per legge” della condizione femminile. La protagonista Vespetta infatti arriva a chiedere esplicitamente autonomia, dichiarando che “compagne son le mogli e non già schiave” e a minacciare il divorzio.

 

pimpinone

 

L’opera, il cui debutto è datato al 1708, è l’unico titolo teatrale integrale rimasto di Albinoni e fu accolta con fervore fin dall’inizio, diffondendosi ben presto in Italia e in tutta Europa. Nella rappresentazione jesina saranno proiettati inserti video finalizzati a ricreare ambiente e atmosfere dell’azione teatrale, dalla Venezia settecentesca ai quadri di grandi pittori come Guardi, Canaletto, Bellotto, Longhi, i Tiepolo e Joli.

L’ingresso a pagamento, al costo di 10 euro, è su prenotazione obbligatoria al numero 3388388746 o tramite mail all’indirizzo info@fondazionelanari.it.

 

A cura di Angela Anconetani Lioveri

 

 

 

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.