Il Museo Federico II riapre e punta all'innovazione: «Sarà un modello per l'Italia e l'estero». | Password Magazine
Festival Pergolesi

Un nuovo inizio per il Museo Federico II: «Sarà un modello per l’Italia e l’estero».

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
L'ingegner Fabrizio Renzi e la direttrice del museo dott.ssa Lucia Basili

JESI – Un nuovo inizio per il Museo Federico II. Passata l’emergenza, lo Stupor Mundi riapre le porte ai visitatori ogni sabato e domenica di giugno a partire da domani. Prevista per luglio invece l’inaugurazione che consacrerà il passaggio alla nuova gestione. Dono dell’imprenditore Gennaro Pieralisi al Comune di Jesi, il museo è ora nelle mani della start up aggiudicatrice del bando RnB4Culture. A presiederla l’ingegner Fabrizio Renzi, ex direttore di Ricerca e Innovazione in una grande multinazionale informatica,  dove per trent’anni ha gestito migliaia di persone in 95 Paesi del mondo, lavorando a stretto contatto con i giovani e aiutandoli nella loro crescita professionale. Nella squadra, l’imprenditore ha voluto con sé un team di talenti under 35 anni. Una realtà in espansione che comprende anche la dottoressa Lucia Basili, già curatrice del museo negli anni passati e ora tra i soci fondatori della start up e direttrice degli aspetti gestionali e organizzativi.

Obiettivo, trasformare il museo jesino in uno show case: «Sarà un modello per l’Italia e per l’estero – spiega il presidente -, l’esempio di come arte e cultura possano legarsi al mondo del digitale». Renzi, originario di Recanati, è spinto dalla passione per la storia, per le Marche e per la tecnologia. Inoltre, non ha paura delle sfide: «Per me il museo rappresenta un progetto di lungo periodo che va ben oltre gli 8 anni – aggiunge l’imprenditore -. Anzi, immagino qui il mio 85esimo compleanno!». La RnB4Culture è pronta a lavorare sodo:  «Il primo step sarà quello di riportare i visitatori a quota 30 mila, raggiungendo il pareggio con la biglietteria – precisa Renzi -. Appena sarà possibile faremo partire una diffusa campagna promozionale». Avviare un museo in tempi di covid non è impresa facile ma il team non perde l’entusiasmo: «La struttura si è già adeguata ai protocolli di sicurezza previsti dall’emergenza – puntualizza l’imprenditore -. La pandemia ha imposto alla società di mutare e il cambiamento favorisce l’innovazione. Sono convinto che lo Stupor Mundi saprà mostrare come il digitale possa diventare strumento per diffondere cultura».

Tante le novità in cantiere: dalla tessera ‘Amici del Museo’ che consentirà all’utente di accedere a vari servizi, allo sviluppo di un sistema museale aperto ai cittadini. «Ci saranno mostre – fa sapere il presidente -, già due in programma per questo 2020, una sul tema dei giochi e l’altra sulla pandemia. Non mancheranno le innovazioni tecnologiche che saranno pronte per l’inaugurazione: punteremo su una fruizione del museo esperienziale, emozionale e personalizzata, che lo renda interessante per tutti. Ovviamente, ci avvarremo del supporto della rete dei Musei civici jesini, con cui stiamo già impostando una proficua collaborazione al pari di quella in atto con la Fondazione Federico II Hohenstaufen».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.