Bocchini (Clabo): «Posti di lavoro e settori a rischio, basta fake news su vaccino» | Password Magazine

Bocchini (Clabo): «Posti di lavoro e settori a rischio, basta fake news su vaccino»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
JESI – «Se il vaccino è la soluzione, non c’è da aspettare. Facciamolo, ne va del futuro dell’umanità». A parlare è l’imprenditore jesino Pierluigi Bocchini, a capo di Clabo, l’azienda jesina leader mondiale nel settore delle vetrine espositive professionali per il settore della ristorazione quotata sul mercato AIM Italia.
 «Il gruppo che ho l’onore (ed onere) di condurre, nel 2020 andrà incontro ad una perdita di circa il 30% dei ricavi.
Per l’azienda italiana del gruppo la percentuale sarà ancor più elevata – afferma -. Ciò metterà inevitabilmente a rischio decine di posti di lavoro. Il motivo? Il mondo si è purtroppo fermato. La socialità si è fermata. E noi viviamo di socialità». Una crisi che non riguarda più singole imprese ma l’intera filiera, con settori, come il manifatturiero ad esempio, che rischiano il collasso una volta che i sussidi statali saranno esauriti: «A me appare evidente che, se non risolviamo il problema dell’emergenza sanitaria, l’economia non potrà mai riprendersi – sostiene Bocchini – . É vero, esistono colossi del web che in questo momento stanno traendo più profitto di altri: ben presto però dovranno fare i conti con il calo della capacità di spesa degli utenti».
Per l’imprenditore, non c’è più tempo da perdere: «Per mesi abbiamo sperato in un evento risolutore che altro non poteva essere che il vaccino. Bene, ora è disponibile, testato e certificato, ritenuto sicuro ed efficace dalle autorità mondiali del farmaco. Proprio per questo, davanti a una pandemia di una simile crudeltà, che ha già provocato tanti morti e rischia di portare tutti alla fame, cresce la mia indignazione quando ascolto i tuttologi e gli scienziati da social che continuano a pontificare sui vaccini, affermando che non sono sicuri e altro ancora».
Per il patron di Clabo, aspettare significa perdere non solo qualche decina di milioni di vite umane ma anche qualche decina di milioni di posti di lavoro: «Significa semplicemente rassegnarsi ad una fine già scritta – dice -. A risentirne non saranno solo le imprese e i lavoratori ma anche tutto il terzo settore che vive di donazioni. Dunque, ciascuno di noi può fare qualcosa: se la Scienza afferma che il vaccino è sicuro, vacciniamoci. Il cittadino responsabile è colui che porta rispetto per il prossimo. E il rispetto ora passa per il vaccino».
A cura di Chiara Cascio

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.