Carabinieri Jesi, nel 2017 furti in calo e 143 arresti. Il bilancio di un anno a servizio dei cittadini | | Password Magazine

Carabinieri Jesi, nel 2017 furti in calo e 143 arresti. Il bilancio di un anno a servizio dei cittadini

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – «Un anno proficuo e impegnativo, questo, per la Compagnia dei Carabinieri di Jesi, come si può evincere dalle numerose conferenze stampa indette durante l’anno ogni qualvolta si concludeva un’indagine». Sono le parole del Maggiore Benedetto Iurlaro, Comandante della Compagnia Carabinieri di Jesi, durante l’incontro di fine anno con la stampa per esporre i risultati conseguiti nel 2017.

Numerose, infatti, le attività che sono state concluse con esito positivo da tutte le sue componenti: Stazioni, Nucleo Operativo e Radiomobile.

Intanto, sul fronte dei reati contro il patrimonio, quali per esempio i furti, l’attività di contrasto realizzata attraverso il rafforzamento di tutti i servizi perlustrativi, ha permesso non solo di ridurre la loro attuazione con un indice del 20% rispetto all’anno precedente, ma ha anche consentito l’arresto di 8 soggetti e la denuncia in stato di libertà di altri 70.

Le denunce per ricettazione sono state 38 mentre, 30 per danneggiamento e 72 quelle per le truffe informatiche: quest’ultimo dato rimane una costante emergente anche nell’attualità, sebbene in rete si stia comunque sviluppando una maggiore presa di coscienza in materia di compravendita.

Sul fronte del contrasto al traffico delle sostanze stupefacenti sono stati sequestrati ben 27 Kg di droga tra marijuana, hashish, cocaina ed eroina, operando anche 18 arresti, 21 denunce a piede libero per detenzione ai fini di spaccio e 35 segnalazioni per uso non terapeutico delle medesime sostanze. Il traffico di marijuana risulta essere quello più esteso, dato che la sua reperibilità è maggiormente agevolata per via dei costi minori rispetto alle altre sostanze.

In totale la Compagnia Carabinieri di Jesi ha operato 143 arresti per vari reati, il 50% in più rispetto lo scorso anno, compresi quelli di rapina, atti persecutori, estorsione, sfruttamento del lavoro nero, violazione agli obblighi della sorveglianza speciale. È stato sottolineato inoltre dal Comandante l’aumento di denunce e condanne anche per i reati di maltrattamenti in famiglia e violenza sessuale:

«Ora le donne, sapendo che esistono misure di protezione specifiche, si sentono più sicure e hanno il coraggio di denunciare» ha detto il Comandante.

Sul fronte del controllo della circolazione stradale sono state 43 le denunce originate per guida in stato di ebrezza, guida sotto l’effetto di sostanze stupefacenti e lesioni stradali.

Mentre oltre 100 sono state le misure di prevenzione inoltrate nei confronti di pregiudicati trami il foglio del via obbligatorio, dediti principalmente a reati contro il patrimonio.

Tra le più importanti operazioni del 2017 si ricorda quella conclusa il 4 maggio contro una banda di romeni, operante nel centro-nord Italia e dedita ai furti su colonnine di self-service dei distributori di carburanti e quella conclusa il 22 luglio contro una banda di siciliani specializzata nelle rapine ai danni degli uffici postali.

Moltissimi sono stati poi i servizi per la prevenzione delle stragi delle cosidette “stragi del sabato sera”, come quelli per prevenire la diffusione tra i giovani studenti delle sostanze stupefacenti e le misure di controllo degli autobus per studenti.

“Un anno che ha visto anche una forma di sicurezza partecipata – dice il Comandante Iurlaro-  Sono stati molti i casi in cui le persone, cittadini comuni, ci hanno segnalato quanto accade sul nostro territorio. Questo è un forte segnale di fiducia della popolazione nei confronti dell’Arma dei Carabinieri, di cui dobbiamo tener conto e ringraziare.”

 

A cura di Giovanna Borrelli

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.