Chechile, un pieno di riconoscimenti per la poetessa infermiera | | Password Magazine

Chechile, un pieno di riconoscimenti per la poetessa infermiera

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Un Cd in uscita in ottobre con 5 sue poesie, che saranno interpretate dal regista, attore e poeta Alessandro Quasimodo, figlio dell’omonimo Nobel; la lirica “Pensiero” inclusa nell’antologia Federiciana del celebre festival di Rocca Imperiale e un diploma di merito. Ed è solo una parte del bottino che si porta a casa Maria Teresa Chechile, all’indomani della conclusione dell’agone poetico, organizzato dalla Aletti Editore, in collaborazione con il comune dell’affascinante cittadina calabrese. Nomi di spicco tra i componenti della giuria per la X edizione dell’iniziativa, svoltasi dal 18 al 26 agosto: Mogol, Mariella Nava, Mimmo Cavallo, lo stesso Quasimodo e con la partecipazione del cantautore Giuseppe Anastasi e di un candidato al Nobel, il poeta georgiano Dato Magradze. Duemilasettecento i partecipanti, sessanta i finalisti e soli trentacinque a disputarsi l’alloro. Tra questi, appunto, l’infermiera jesina con il pallino del verso e della rima. Nata a Zurigo nel 1971 da genitori italiani, la Chechile lavora all’ospedale Carlo Urbani di Jesi dove vive con la famiglia. Tale è il senso di appartenenza alla comunità locale, da averne fatto una delle promotrici del comitato Jesi città regia. «Non male – commenta la Chechile – anzi soddisfattissima». Che dire, se il buongiorno si vede dal mattino, gli esordi della nostra promettono più che bene.

(M.T.)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.