Jesi, casa a luci rosse in centro. Specialità, il sesso a tre | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Jesi, casa a luci rosse in centro. Specialità, il sesso a tre

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Scoperta casa squillo a Jesi. Specialità, il sesso a tre. Alcuni condomini di un palazzo del centro di Jesi avevano segnalato alcuni giorni fa alla Polizia un via vai sospetto in un appartamento, ubicato al piano terra, dove da circa 2 settimane avevano preso alloggio tre avvenenti sudamericane. Ad occuparsi della vicenda, la Sezione criminalità straniera della Squadra Mobile anconetana che, d’ accordo con i colleghi del locale Commissariato di P.S., sono entrati in azione, risalendo agli annunci sui siti porno internet.

Nelle inserzioni a pagamento prese in esame, una dominicana, naturalizzata cittadina spagnola, 31enne, decantava le virtù amatorie di due giovanissime connazionali, pronte a soddisfare ogni desiderio maschile, anche lavorando in coppia. Lo step investigativo successivo era di verificare se la donna effettivamente sfruttasse o comunque favorisse la prostituzione altrui (il semplice prostituirsi per la legislazione italiana non è reato).

Un poliziotto, fingendosi cliente, telefonava così al numero di cellulare pubblicizzato e, dopo aver concordato un appuntamento con la dominicana, si presentava sotto copertura all’orario e all’indirizzo in questione. Accolto proprio dalla donna con cui aveva parlato al telefono, all’agente venivano proposte le prestazioni sessuali di una giovane connazionale al prezzo di 60 euro. Il poliziotto chiedeva allora se era possibile pagare per un’esperienza”a tre”: la donna rispondeva sì e chiamava ad intervenire una seconda giovane domenicana, chiedendo per entrambe la somma di 100 euro.

Il poliziotto, avendo raccolto inequivocabili elementi di prova inerenti lo sfruttamento perpetrato dalla 31enne nei confronti delle altre due, chiamava così ad intervenire i colleghi appostati all’ esterno, che a conclusione del blitz hanno portato le tre donne in Questura. La 31enne è stata denunciata, mentre per le due prostitute “attive”, una 22enne ed una 23enne di origini dominicane, ma naturalizzate cittadine spagnole, sono state avviate verifiche sulla regolarità del soggiorno sul territorio nazionale.

(Fonte: Leggo.it)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.