Crisi greca, le vie dei Social Network sono infinite

USERNAME / a cura di Matteo Baleani

In questo secondo articolo della rubrica Username, che tratta di società, tecnologia e comunicazione, non potevo fare a meno di scovare qualcosa legato alla Grecia, ormai purtroppo argomento di discussione a 360 gradi. Nel mio caso però, fortunatamente si tratta di una vicenda positiva.

Si dice che le vie del Signore sono infinite, ma anche quelle dei social network non scherzano per niente. La foto che vedete sopra è ormai un simbolo di questa crisi greca.

Il protagonista si chiama Giorgos Chatzifotiadis ed è un pensionato di 77 anni, disperato seduto per terra fuori da una banca di Salonicco, dopo aver fatto 4 lunghissime file in altrettante banche senza riuscire a prelevare denaro. Tale immagine, grazie proprio ai social network, ha fatto il giro del mondo finendo su centinaia di milioni di monitor rendendo possibile quella che potrebbe sembrare una storia da classico film hollywoodiano a lieto fine.

Tra i tanti schermi dove il signor Chatzifotiadis è apparso, c’era anche quello di un certo James Koufos, abitante di Sydney, in Australia, fondatore della Gap Finance (una società di finanziamento) ma nato in Grecia proprio a Salonicco dove, tra l’altro, vive ancora la madre. Inizialmente non ci aveva fatto caso, ma dopo diverse visualizzazioni garantite dall’ampia diffusione della foto, in quell’uomo disperato ha riconosciuto il suo concittadino ed ex compagno di scuola del suo defunto padre. Dopo aver ricevuto conferma anche dalla madre, il buon James si è subito mobilitato per rintracciare l’anziano e fornirli tutti i soldi necessari.

Contattato dal Daily Mail Australia ha dichiarato: “Mi ha colpito molto, gli pagherò la pensione per 12 mesi. Gli servono 170 euro alla settimana? Noi gli daremo 250 euro. Non permetterò, per quello che posso, l’esistenza di un amico greco ridotto alla fame dopo aver lavorato duro per una vita intera. Destineremo dei fondi della nostra azienda a greci che si trovano in difficoltà. Come molti altri, Chatzifotiadis e sua moglie hanno lavorato diversi anni in Germania. Era da quel paese, che i greci criticano per la sua intransigenza finanziaria, che Chatzifotiadis doveva ritirare la pensione della moglie “.
Per il signor Koufos, un lodevole atto di legame alla propria terra, anche se abbandonata da molti anni, ma soprattutto di generosità e comprensione, quella stessa comprensione che ora non un solo uomo ma uno stato intero chiede, giustamente o meno, all’Europa tutta.

 

 

A cura di Matteo Baleani

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*