Le "Catene" sui social, piaga più forte degli algoritmi che non tramonta mai | Password Magazine

Le “Catene” sui social, piaga più forte degli algoritmi che non tramonta mai

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

USERNAME – “Anch’io sto cercando di arginare questa modifica dell’algoritmo di Facebook, perché ho sicuramente notato che non vedo più tanti post dei miei amici…” con questa frase inizia un lungo testo che molti utenti di facebook stanno copiando e condividendo sui loro profili. E’ la nuova inutile “catena”, così vengono generalmente chiamati gli annunci assolutamente infondati che chiedono di essere condivisi. Si parla di soli 25 amici visibili, di mancata libertà di scelta e di commentare quel post in modo da finire nella lista dei pochi eletti.

Questo l’annuncio completo:

Anch’io sto cercando di arginare questa modifica dell’algoritmo di Facebook, perché ho sicuramente notato che non vedo più tanti post dei miei amici.
Ecco come evitare di sentire gli stessi 25 amici di fb e nessun altro.
La vostra sezione notizie mostra di recente solo i post delle stesse poche persone, circa 25, più volte lo stesso, perché facebook ha un nuovo algoritmo.
Il loro sistema sceglie le persone che leggono il vostro post. Tuttavia vorrei poter continuare a scegliere per me.
Quindi chiedo a tutti voi un favore. Se state leggendo questo messaggio, per cortesia lasciatemi un qualsiasi commento veloce, un “ciao”, un adesivo, qualsiasi cosa vogliate, così sarete visualizzati nella mia sezione notizie.
Altrimenti Facebook sceglie chi farmi vedere, ma desidererei non aver bisogno del “badante” Facebook per scegliere i miei amici.
Copiate ed incollate questo testo sulla vostra bacheca in modo da poter godere di più interazione con tutti i vostri contatti e bypassare il sistema.
Grazie per la dritta da chi ha già copiato e incollato quanto sopra.
Tenete il dito (uno qualunque tra i dieci che avete in dotazione) premuto in un punto qualsiasi di questo post e comparirà “Copia”. Cliccate su “Copia”, poi accedete alla vostra pagina ed avviate un nuovo post. Premete il dito (sempre uno qualsiasi) ovunque nel campo bianco. Comparirà “incolla” . Cliccateci sopra e… voilà, avete appena copiato.
Grazie amici

Partiamo da un presupposto: poco dopo la sua nascita, il social media più famoso e utilizzato del mondo, aveva già inserito degli algoritmi che moderavano cosa appariva nella vostra home. Non ora, non solo a qualcuno ma a tutti da molto tempo. Tali sistemi di scelta sono in continua evoluzione, hanno leggeri cambiamenti costanti, vere e proprie prove (a volte dannose) e, in media una volta all’anno, attuano modifiche abbastanza pesanti, spesso annunciate con una conferenza o durante un convegno. L’ultima, importante, è stata all’inizio del 2018 e aveva messo in guardia tutti i social media manager in quanto si parlava di una netta diminuizione di visibilità per le pagine a favore, con buona pace dell’annuncio fake prima citato e tanto in voga ora, proprio dei post pubblicati dai vostri amici.

Si tratta solo di una nuova catena o c’è qualcosa di vero in quel testo che, in maniera virale, in molti stanno condividendo? Di certo se voi commentate quel post, molto probabilmente al suo autore a breve apparirà una vostra precedente pubblicazione o una nuova messa poco dopo. Si tratta di una delle regole base, in funzione da molto, è attivabile anche con un semplice “mi piace”. Ma l’algoritmo non lavora solo così, è estremamente complicato e prende in considerazione una gran quantità di dati, si tratterà di una volta o due, dalla successiva, soprattutto se altri avranno interagito col soggetto, tornerete nell’oblio.

Personalmente, a differenza di molti, non mi sono fatto spaventare dal nuovo sistema anzi, una delle pagine principali che gestisco, da circa 10 pubblicazioni al giorno (quindi molte), ne ha tratto vantaggio. Sta al social media manager studiare e sperimentare per meglio comprendere come funzionano le modifiche che, di volta in volta, facebook inserisce. Quello dei social è un mondo in continua e rapida evoluzione e, soprattutto se vogliamo lavorarci o promuoverci, è necessario comprenderlo e adattarsi. Lo scopo dei sui dirigenti infatti non è mai quello di buttar fuori utenti o renderli invisibili, tutt’altro, vogliono ovviamente guadagnare e per arrivare a questo cercheranno sempre di far entrare un numero maggiore di persone che restano poi connesse più tempo possibile al giorno.

Di conseguenza, non esistono cattivi algoritmi ma solo cattivi social media manager. Affidatevi a qualcuno che sappia fare il suo lavoro e che, davanti all’ultima modifica, invece di lamentarsi, sia smanioso di capire cosa è cambiato.
Con buona pace delle “catene” che, dopo anni e anni, nonostante tutto, pur avendo provato ormai la loro inutilità (qualcuno ricorda “facebook sta per diventare a pagamento, per averlo gratis condividete…”) continuano a vivere di utenti pronti a condividere a tutti ogni allarme ricevuto.

Se volete una consulenza per gestire i vostri social senza aver paura di nessun algoritmo, contattatemi pure al 320 16 41448

Username, la rubrica di tecnologia e comunicazione curata da Matteo Baleani, esperto di marketing che da anni collabora con Password Magazine.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.