Crollo del prezzo del grano, il grido d’allarme del Consorzio Agrario

JESI – Estate, tempo di trebbiatura. Periodo festoso per le campagne dove, però, non mancano le preoccupazioni. Con il crollo del prezzo del grano infatti, migliaia di imprese agricole rischiano di non riuscire a coprire nemmeno i costi di produzione. Numeri alla mano, ecco la fotografia: nella nostra regione sono circa 5 milioni i quintali di grano duro prodotti, quasi il 12% della produzione nazionale; la produzione nella provincia di Ancona è di quasi 2.5 milioni di quintali, su una superficie coltivata di 52mila ettari, mentre a Jesi e in Vallesina sono 1.5 i quintali prodotti. La resa del grano duro, ad ettaro, è di circa 46 quintali (+8,7% rispetto al 2015, variavano da 38 a 42 euro a quintale negli anni precedenti), mentre il prezzo di vendita del grano per gli agricoltori è di 17 euro al quintale, era di 28 lo scorso anno, dunque 11 euro di meno. A conti fatti quindi, considerando i quasi 2,5 milioni di quintali della provincia di Ancona, si registra un minore introito di oltre 25 milioni nell’anno, di cui 12 milioni per Jesi e Vallesina. Il costo della produzione per l’agricoltore è di1100 euro ad ettaro (a fronte di un incasso ad ettaro – tenendo conto i 17 euro al quintale –  di 782 euro circa ad ettaro).

Insomma, il gioco non vale la candela per gli agricoltori che comunque si trovano a destinare la raccolta ai mulini locali per un 20% del totale, il resto va ai mulini nazionali. L’allarme arriva da Giovanni Manzotti Presidente di Confagricoltura Marche e Andrea Novelli, direttore del Consorzio Agrario di Ancona. “La campagna di raccolta che sta volgendo al termine è stata qualitativamente e quantitativamente soddisfacente – spiega Novelli – Tuttavia il prezzo del grano è troppo basso, così si rischia di perdere questo motore agrario che è il cuore pulsante del territorio. Se le Marche sono coltivate dalla costa all’entroterra lo si deve alla tenacia degli agricoltori che investono su questo settore. Il comparto agricolo sta entrando in una crisi importante se non si corre ai ripari per tempo”. “Siamo disarmati – aggiunge Manzotti – E’ inutile sostenere l’agricoltura se i prezzi sono questi. Potenziare il prodotto nazionale è una soluzione ma fino ad ora è stata fatta una politica sbagliata. Il cibo non può essere delegato all’estero, l’agricoltura è un settore strategico, occorre rendere meno vulnerabile questo settore”. Appuntamento il prossimo 20 luglio al Ministero per discutere la situazione.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*