Pubblicato il bando per il terzo stralcio del polo scolastico di Moie | | Password Magazine

Pubblicato il bando per il terzo stralcio del polo scolastico di Moie

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

MAIOLATI SPONTINI – L’Amministrazione comunale ha pubblicato il bando e il disciplinare per il terzo stralcio dei lavori del polo scolastico di via Venezia, a Moie. Si tratta di una “tappa fondamentale per il completamento dell’opera più importante del comune di Maiolati Spontini: un’opera che guarda al futuro e ai giovani”, spiegano il sindaco Umberto Domizioli e l’assessore ai Lavori pubblici Giancarlo Carbini. Un nuovo tassello, quindi, per consegnare in tutte le sue potenzialità alla cittadinanza e alla popolazione scolastica la scuola definita da media nazionali “modello”, realizzata con criteri all’avanguardia, innovativi sistemi di isolamento termico, acustico e pannelli solari fotovoltaici, e dotata perfino di un giardino pensile. Una volta completati i lavori sarà in grado di ospitare circa 1.200 tra bambini e ragazzi della scuola primaria e secondaria.

La documentazione di gara è stata pubblicata nel sito istituzionale del Comune e la scadenza per la presentazione delle offerte è stata fissata per il 22 giugno. L’importo complessivo dell’appalto è di 3 milioni e 250.179 euro. I termini di esecuzione dei lavori sono stabiliti in 720 giorni naturali e consecutivi, decorrenti dalla data del verbale di consegna dei lavori.

Intanto fra pochi giorni sarà smontata la gru nell’attuale cantiere: un segnale che si è arrivati al rettilineo finale del secondo lotto dell’intervento, relativo al completamento della struttura dedicata alla scuola primaria e alla sistemazione della viabilità esterna, la cui consegna dei lavori era avvenuta il 4 febbraio 2013 “dopo un complesso iter di valutazione delle offerte – sottolinea Carbini – che aveva portato all’esclusione di alcune di esse con un ribasso eccesivo non giustificato”.

Il terzo stralcio riguarda la realizzazione della prima parte della scuola secondaria di primo grado, dell’auditorium e dell’ingresso principale, che interessa anche la scuola primaria, visto che quello attuale sarà riservato ai soli insegnanti e ai dipendenti. “Sarà previsto un quarto e ultimo stralcio – spiegano sempre Domizioli e Carbini – per il completamento dell’intera struttura che si ipotizza potrà essere appaltato fra circa due anni”.

Sindaco e assessore ci tengono a sottolineare come sia stato cambiato il criterio di aggiudicazione: “non più il massimo ribasso, come per i primi due stralci, ma il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa che valuta solo in parte, precisamente per il 30 per cento, il merito economico, mentre il merito tecnico di chi saprà proporre i miglioramenti del progetto pesa per ben il 70 per cento”. Fra i miglioramenti previsti nel terzo stralcio, la sistemazione delle aree verdi a ridosso dell’edificio, la realizzazione di un campo da gioco polifunzionale sulla copertura dell’auditorium, il potenziamento degli impianti fotovoltaico e di ventilazione nei locali delle aule e della biblioteca, la gestione della sicurezza e dell’interferenza delle attività di cantiere con l’attività scolastica.

Il polo scolastico è stato realizzato e sarà completato con fondi ottenuti dai proventi della discarica, come è successo per il complesso culturale “eFFeMMe23” la biblioteca La Fornace.

Il complesso scolastico di via Venezia è entrato in funzione a settembre del 2012 con l’inizio delle attività didattiche della scuola primaria. Tanti gli elementi di interesse e in alcuni casi di unicità della struttura. Non solo l’attenzione al risparmio energetico e al verde ma anche la bellezza degli ambienti dal punto di vista estetico, e il progetto di comunicazione creato ad hoc per la scuola, dove la grafica è al servizio dell’architettura. Vi è una segnaletica costituita da forme geometriche tridimensionali e “divertenti” che ricordano i baloon dei fumetti. I segnali degli spazi dedicati ai ragazzi, come i laboratori o la mensa, hanno testi tradotti nelle 4 lingue insegnate a scuola.

Il plesso della primaria completato ha interessato una superficie di 2.832 metri quadrati, per un costo al metro quadrato di 1.200 euro. I metri quadrati di fotovoltaico sono 223, mentre di giardini pensili sono 776.

Con il terzo terzo stralcio il complesso avrà una superficie utile, ripartita su due piani, di 7.469 mq, con 4.996 mq di superficie coperta. Le classi saranno 20 per la scuola primaria e 12 per la scuola secondaria di primo grado, per un totale di 900 studenti. Ma ci saranno anche una serie di strutture accessorie: palestra, biblioteca, auditorium (320 posti), mensa (310 posti), cucina, uffici e direzione (6 locali). Ognuno dei due plessi, inoltre, sarà dotato di sette laboratori: musicale (insonorizzato), artistico, informatico, di scienze, interculturale, linguistico, multimediale (50 posti).

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.