Da Jesi al confine con l’Austria per scoprire un misterioso mondo sommerso

RASUN ANTERSELVA – Il lago di Anterselva è un grande specchio d’acqua situato a quasi 2 mila metri di altezza nel comune omonimo, a pochi passi dal confine con l’Austria, vicino Brunico in Alto Adige. Un lago dietro il quale sono nate molte leggende e dove si è girata una scena del film Il caso Mattei. In questo periodo la temperatura va spesso sotto lo zero come è facilmente immaginabile e la neve la fa da padrona. Ma il club Monsub di Jesi aveva come obiettivo quello di immergersi in questo affascinante specchio d’acqua completamente nascosto da un’immensa lastra di ghiaccio ricoperta di neve.

Siamo abituati a vederli immersi nel mare o in alcuni oceani, attivi in piscina durante i loro corsi o impegnati nell’acquaticità (per far superare la paura dell’acqua alle persone), in certi momenti li abbiamo visti lottare sott’acqua in una partita di rugby subacqueo ma questa volta hanno indossato le tute e le bombole per esplorare un mondo nuovo e misterioso, dall’altra parte dell’Italia.

“Un’emozione incredibile, un posto affascinante carico di un’atmosfera che non ti fa più sentire nemmeno il freddo” queste le sensazione dei ragazzi che si sono immersi. Motosega alla mano, hanno tagliato insieme agli esperti del posto, la lastra di ghiaccio spessa un metro. Un rettangolo, giusto per entrare e immergere poi le funi di sicurezza.

Quanto visto la sotto, può essere percepito solo in parte dalle immagini. Come vedere i tunnel naturali creati tra l’acqua e il ghiaccio, in quella che da sopra sembrava una lastra compatta. Di ritorno a casa ci hanno inviato alcuni spezzoni video, raccolti in questa piccola testimonianza.

Monsub Jesi sotto il ghiaccio di AnterselvaDa Jesi verso il confine più estremo e freddo dell'Italia per entrare in un mondo incontaminato, misterioso, ma allo stesso tempo affascinante. Monsub ha rotto il ghiaccio e si è immerso nel lago di Anterselva. Le immagini

Pubblicato da Password – Magazine della Vallesina su Venerdì 15 marzo 2019

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*