Delegazioni europee a Jesi per i seminari internazionali di formazione linguistica | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Delegazioni europee a Jesi per i seminari internazionali di formazione linguistica

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Ottanta partecipanti italiani e internazionali, sette delegazioni europee da Grecia, Spagna, Bulgaria, Croazia, Romania, Ungheria e Italia, gli alberghi della città e i b&b del centro storico occupati da rappresentanti dell’eccellenza formativa in lingua a livello italiano ed europeo, 30.000 euro di ricaduta sugli operatori locali. Sono questi i numeri portati in dote dal Progetto internazionale QAtrain cofinanziato dalla Commissione Europea attraverso il Programma di Lifelong Learning e dal convegno nazionale Aisli “The Best of the Best”, associazione che rappresenta e coordina le attività delle migliori quaranta scuole di lingua sul territorio nazionale. Gli incontri si terranno a Jesi, dal 25 al 28 marzo, presso la sede della Fondazione Colocci, grazie all’impegno della The Victoria Company che si è occupata della logistica e dell’organizzazione locale per le quattro giornate in programma.

Jesi è città che si rinnova, si attiva e promuove soluzioni, supera momenti di crisi, dà il meglio di sé partendo dalle ormai ben note risorse individuali e di rete, creative e imprenditoriali espresse da questa terra. Così, sia a livello istituzionale, con il sostegno del Comune, che privato, si sta rafforzando il ruolo della città anche come riferimento d’eccellenza dal punto di vista artistico, culturale e ricettivo. Non a caso, proprio Jesi, è stata scelta come luogo ideale e come unica tappa italiana per uno degli incontri internazionali del Progetto QAtrain.

Nella quattro giorni jesina gli ospiti delle delegazioni italiane ed estere avranno anche modo di conoscere meglio la città. Giovedì 26, infatti, alle 18,30, è in programma la visita della Pinacoteca civica. A dare il benvenuto ai dirigenti degli enti di certificazione europei e agli altri ospiti, e a presentare le bellezze della città, penserà l’assessore alla Cultura Luca Butini. I presenti saranno poi omaggiati dalla The Victoria Company con una pizza al formaggio tipica prodotta da una storica pasticceria cittadina.

Tra i momenti fondamentali per la tappa di Jesi, mercoledì 25, sono in programma i lavori per un protocollo europeo che diventerà un riferimento nell’ambito della mediazione linguistica coordinato dal Consiglio d’Europa. Ai lavori, parteciperà anche la storica direttrice didattica, Janet Wightman, della The Victoria Company, quale autorevole esponente e parte integrante di questo progetto.

LE BELLEZZE DELLA CITTà E DELLA PINACOTECA INCANTANO I DELEGATI EUROPEI

Prima il Teatro Pergolesi, poi la splendida galleria Pianetti, gli ambienti del Palazzo e le tele del Lotto. Così la città ha dato il benvenuto ufficiale agli ottanta partecipanti italiani e internazionali, convenuti a Jesi da sette paesi d’Europa, come unica tappa italiana, per le quattro giornate di seminari sulla formazione linguistica.

E a rappresentare l’Amministrazione durante il piccolo tour è stato l’assessore alla Cultura Luca Butini che in un fluente inglese ha testimoniato, in modo pratico, come la conoscenza delle lingue possa fare la differenza in termini di comunicazione e relazione. Il percorso a Palazzo Pianetti è poi proseguito con la visita guidata alla Galleria e alle tele del Lotto a cura di Simona Cardinali. I volti sorpresi e gli occhi degli ospiti puntati agli stucchi o alla Santa Lucia hanno reso evidente l’apprezzamento dei partecipanti per i contenuti e per l’evento speciale organizzato delle The Victoria Company in collaborazione con l’assessorato alla Cultura.

Butini ha accolto con soddisfazione la scelta di Jesi, come unica tappa italiana per il convegno nazionale Aisli e per il Progetto QAtrain, cofinanziato dalla Commissione Europea attraverso il Programma di Lifelong Learning, “è una cosa che ci inorgoglisce – ha dichiarato l’assessore – ed è importante che l’evento sia caduto su Jesi. Di questo va dato merito all’organizzazione della The Victoria Company, partner intraprendente, i cui stimoli cogliamo sempre con piacere. Avere interlocutori europei esperti di formazione linguistica a Jesi, qui per lavoro, ma che trovano la possibilità di ammirare ciò che la nostra città sa offrire, è un’occasione per noi da non perdere. È un privilegio averli ospiti. Ci lasceremo con l’augurio che possano tornare a Jesi da turisti in un prossimo futuro”.

I seminari, partiti il 25 marzo, si chiudono sabato 28 presso la Fondazione Colocci.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.