Sicurezza, in arrivo altre 30 telecamere di videosorveglianza | | Password Magazine

Sicurezza, in arrivo altre 30 telecamere di videosorveglianza

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Foto archivio

JESI – Il Consiglio Comunale di Jesi torna ad esprimersi sulla sicurezza e lo fa dichiarando il proprio impegno a proseguire nelle azioni politiche ed amministrative adottate, perseguendo risultati che diano ai cittadini il senso di sicurezza e di presenza, dello Stato e dell’Amministrazione comunale.  “Il tutto interessandosi ed intervenendo, cosa non marginale ed importante per la nostra comunità, anche sul disagio, che sicuramente non è solo jesino, così da prevenire od evitare fenomeni di emarginazione che sono tali da portare spesso alla disperazione” recita la risoluzione presentata dalla maggioranza sul tema “sicurezza” .

Sono già diversi i provvedimenti in atto per la tutela dei cittadini contro i fenomeni dei criminalità, “una questione principalmente di interesse pubblico – si legge dalla risoluzione – da trattarsi e da esplicitarsi con l’intervento precipuo delle Forze dell’Ordine, assolutamente meritorie per quello che, pur tra mille difficoltà, anche normative, stanno facendo nella nostra città, e con l’ausilio della Polizia Locale, impegnata pure a garantire il rispetto dei regolamenti esistenti, ed intervento che non può lasciare il posto od essere sostituito da sistemi di “giustizia fai da Te”, ideati sulla sorta di spinte non tanto ideologiche quanto dettate da pulsioni emotive e dalla volontà, più che di risolvere i problemi, di cercare di andare incontro, magari in cambio di un consenso diffuso, alle aspettative immediate di chi solleva i problemi, raccogliendone insofferenze, delusioni, patemi ed aumentandone le aspettative, ben sapendo però che tali problemi (o gran parte di essi) non sono risolvibili a livello comunale, vista la loro specificità”.

Sul fronte della sicurezza, in questi anni, l’Amministrazione Comunale di Jesi farà a breve partire un sistema di videosorveglianza di 30 telecamere (ed altrettante in futuro). Inoltre, è stato dato nuovo impulso all’Ufficio mobile di Polizia Municipale, con una più attenta ed incisiva presenza nei quartieri più sensibili, con l’aggiunta, recentemente, di una mediatrice culturale per affrontare anche le problematiche degli immigrati.

La stessa Polizia Municipale è stata dotata di nuovi mezzi, anche di autotutela, e sono stati organizzati più volte controlli nei quartieri in sinergia con le forze dell’ordine (la chiusura del Vento Latino ne è stata forse la prima e più efficace dimostrazione).

Grazie all’associazione dei Carabinieri in congedo, una modalità di controllo che permette di vigilare sulle aree pubbliche in alcune ore della tarda serata/notte ed in alcuni giorni della settimana, c’è stata un’accelerazione sui lavori del nuovo Commissariato, che si insedierà in un nuovo quartiere – resa possibile, in verità, sia grazie all’Amministrazione Comunale che anche alle forze politiche presenti in Consiglio.

A breve, partiranno gli incontri nei quartieri per la prevenzione delle truffe agli anziani e campagne di informazione e sensibilizzazione.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.