Genitori e adolescenti: conquistare nuovi orizzonti grazie al coaching

JESI – L’adolescenza è nota per essere una fase difficile e delicata dell’età. Si potrebbe definire un periodo di passaggio della vita, ricco di emozioni ed esperienze, segnato da cambiamenti fisici e psicologici importanti tali da generare un nuovo modo di essere, una rinascita.

L’adolescente è un bambino più adulto che deve fare i conti con la crescita e lo sviluppo. In quella transizione, non ha ancora un ruolo specifico e una responsabilità. Al contempo, è un individuo capace di creare, ricco di energia, capace di far emergere il proprio io, di manifestare la propria personalità.

Ad assistere i giovani in questa importante fase della crescita, può essere d’aiuto il coach adolescenziale. La dott.ssa Roberta Cesaroni, psicologa, life mental coach e teen coach di Jesi, ci spiega come. “La parola coach evoca il significato di allenatore in quanto in termini anglosassoni veniva utilizzato per chiamare i tutor.  La parola deriva dal termine coche vuol dire “carrozza”, quindi, trasportatore”.

Quali benefici può trarre un adolescente dalla guida di un consulente?

“Un life coach per adolescenti aiuta i giovani a raggiungere il proprio miglioramento personale,  fornendo gli strumenti per  portare alla luce le potenzialità latenti e, sotto la sua guida, imparare ad utilizzarle. Grazie all’aiuto di un professionista, l’adolescente prende coscienza delle proprie capacità, dei propri obiettivi e sarà in grado dunque di acquisire maggiore fiducia in se stesso e di controllare più facilmente emozioni e paure”.

Il coach può diventare punto di riferimento anche per i genitori?

“Certamente. Il coach è un facilitatore del cambiamento, un professionista che stimola e indirizza le energie dei bambini, dei ragazzi, dei loro genitori  e degli educatori e li aiuta a prendere consapevolezza delle loro potenzialità. Nello specifico, il coaching genitoriale ed educativo è un processo di formazione che parte dall’esperienza di ciascuno  e opera una trasformazione, stimolando e supportando un individuo o gruppo (detto coacheenel raggiungimento di obiettivi concordati e nel superamento di conflitti e difficoltà”. 

Quali sono i risultati di questo percorso?

Il programma si struttura in 3 o 4 sedute da un’ora: l’obiettivo è sviluppare le potenzialità del genitore e quelle del figlio.

Il compito del coach sarà quello di lavorare per agevolare i compiti evolutivi del coachee, ossia aiutare l’adolescente nello sviluppo dell’autostima, del suo senso di indipendenza, nelle relazioni affettive e nello studio. Si forniranno gli strumenti per migliorare la performance a scuola e nello sport, per individuare obiettivi e vocazioni del giovane al fine di orientarlo meglio nel futuro, per creare ponti di comunicazione e dialogo con gli altri e relazioni eccezionali. La “casa” diventerà allora un nucleo condiviso, dove liberare le proprie inclinazioni e creatività, trovare lo spazio e la motivazione giusta per esprimere il proprio talento ma, soprattutto, un luogo dove acquisire consapevolezza e valorizzare quelle potenzialità che serviranno poi nel mondo esterno, fuori, tra gli adulti”.

Di tutto questo si parlerà all’incontro di giovedì prossimo sul tema “Coaching al servizio della relazione Genitori – Figli” presso l’Auditorium Scuola elementare San Giovanni Bosco di Civitanova Marche, tenuto dalla dott.ssa Roberta Cesaroni in collaborazione con l’Istituto Comprensivo Statale “VIA REGINA ELENA” Scuola dell’Infanzia, Scuola Primaria, Scuola Secondaria di primo grado ” L.Pirandello”(Istituto in rete con le Università di Ancona, Macerata, Camerino, Urbino). L’evento è gratuito e aperto a tutti, genitori, familiari e docenti.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.