Le ragioni del Sì e del No: intervista doppia a Massaccesi e Marasca | | Password Magazine
Lulù  

Le ragioni del Sì e del No: intervista doppia a Massaccesi e Marasca

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Un ritratto di Marco Torcoletti

POLITICWORLD/ Rubrica di Marco Torcoletti

Punti di vista. Il suo deciso No al referendum, il presidente del consiglio comunale Daniele Massaccesi lo attribuisce alla natura “pasticciata” della riforma. Sull’opposto fronte, Matteo Marasca, consigliere Pd e il più votato in assoluto alle precedenti consultazioni cittadine, bolla il no come un “dispetto” al presidente del Consiglio.

Perché non condivide le ragioni del voto contrario al suo?

Marasca: «Chi dice No non si rende conto che così facendo perde un’occasione per ridurre i costi della politica e per semplificare il processo legislativo nel nostro Paese. Un’occasione che non si ripresenterà per anni. Un’occasione concreta dopo anni di parole».

Massaccesi: «Un Senato non rispettoso dei cittadini, con una sottrazione di potere democratico, a favore di nomine dall’alto, con un Parlamento di nominati. Perché non si è inciso sulle Regioni a statuto speciale? Una riforma voluta e proposta da un Governo il cui Presidente non è stato eletto né votato, approvata da un Parlamento eletto con il “Porcellum” dichiarato incostituzionale».
A sinistra Matteo Marasca, a destra Daniele Massaccesi
Quali ricadute possono prodursi, a livello locale, a seguito dell’esito del voto?

Massaccesi: «Le ricadute possono essere solo per il PD, lacerato da faide interne, anche a Jesi, e da una cieca obbedienza ai voleri di Renzi che si contrappone a chi ritiene che la Costituzione possa essere sì certamente riformata ma non nel modo proposto dal duo Boschi – Verdini».

Marasca: «Non credo che a seconda dell’esito del referendum ci saranno ricadute in ambito locale. A Jesi non si ripetono le dinamiche politiche che vediamo a Roma. A Jesi la sfida sarà sul futuro della città e sulle cose da fare per riacquistare centralità nel territorio di riferimento».

Perché il quesito referendario divide esponenti di uno stesso partito e ne avvicina, sulle medesime posizioni, quelli provenienti da differenti?

Marasca: «Perché i temi costituzionali sono patrimonio comune. Difficile dire che il bicameralismo perfetto o il CNEL sono di destra o di sinistra. Abolirli è semplicemente una questione di buon senso».

Massaccesi: «Dove è lo scandalo? Votando NO sembra si appoggi il passato: non è così, a molti cittadini si dovrebbe spiegare perché il Sì è il futuro, quando la compagnia comprende, fra gli altri, Alfano, Verdini, Boschi, il potere finanziario e chi ha appoggiato la “buona scuola” e la riforma-tranello del Jobs act».
Come accaduto altre volte, anche in questa circostanza i due opposti fronti sembrano avere polarizzato il confronto, tingendo lo stesso di toni molto forti, come se a fronteggiarsi siano il bene e il male. È così?

Massaccesi: «E’ uno scontro fra chi vorrebbe una Costituzione riformata ma ottenuta a larga maggioranza e condivisa, scritta bene e rispettosa del sistema democratico e modificata per renderla attuale e chi la vuole ad ogni costo, giocando sul risultato il proprio futuro politico, come se la Costituzione fosse una scommessa».

Marasca: «Non è uno scontro tra il bene e il male. E’ uno scontro tra chi guarda al progresso del Paese e chi ambisce alla sua conservazione. Tra chi vuole un cambiamento verso un Paese più moderno e chi invece si accontenta del Paese che ha. Io non ho paura: cambio e voto Sì».
Il suo pronostico.

Marasca: «Sperò prevarrà la voglia di andare avanti e di non tornare indietro. Spero si riesca dopo decenni di sterili dibattiti a cambiare davvero le cose in questo Paese. Punto sul futuro. Punto sul Sì».

Massaccesi: «Temo il Sì per il quesito, fatto quasi “ad arte” e per il battage di molti media (Renzi è presente dappertutto, manca solo quasi RAI GULP!). Mi auguro il NO, al di là dei sondaggi, per evitare questa bruttissima riforma e il peggio che vi è dietro (o probabilmente a fianco).
Scarica l’e -book Cronache del Cambiamento:
o scopri come acquistare il libro alla pagina Cronache del Cambiamento

 

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.