«Non erano minacce rivolte all'assessora ma un meme da Barbero» | Password Magazine

«Non erano minacce rivolte all’assessora ma un meme da Barbero»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
ANCONA – «Non erano minacce rivolte all’assessora ma una citazione». Così si difendono le donne che domenica mattina hanno partecipato al flashmob su aborto e tutela dei diritti, accusate dall’assessore alle Pari Opportunità Giorgia Latini di minacce e insulti contro la sua persona. Nel mirino, un cartello con la scritta “Bruciamogli la casa” apparso davanti a uno dei consultori marchigiani presidiati.
Ma le manifestanti di ‘Rete Molto più di 194’ negano questa intenzione: «Sorprende innanzi tutto che l’unica donna della giunta, a cui il ben noto meme non poteva essere riferito per regola grammaticale, lo abbia presuntuosamente avocato a sé.
Sorprende inoltre che una assessora alle pari opportunità non conosca il grido delle donne polacche “questa è guerra” e non sappia che non lo hanno inventato per lei (credo che le donne polacche non la conoscano neppure…), ma che è il simbolo della guerra che le istituzioni (di cui l’assessora fa parte) fanno ogni giorno e in ogni luogo alle donne.
Sorprende infine che non conosca il noto meme ricavato da una lezione dello storico Alessandro Barbero sul tumulto dei Ciompi del 1378 che non è, ancora una volta, riferito a lei e alla sua casa. Piuttosto sono le case delle donne, i centri antiviolenza, i consultori che le istituzioni (di cui fa parte) “bruciano” simbolicamente.
Prendiamo invece atto che la giunta Acquaroli, e la stessa assessora, non sono capaci di rispondere in modo adeguato alle nostre istanze, se non utilizzando strumentalmente ciò che non sono stati neppure in grado di interpretare correttamente. Ribadendo la nostra solidarietà alla grammatica (gli, le…non è uguale!) Donne 1- giunta Acquaroli 0»

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.