A Moie, si va a scuola di droni: i corsi con gli istruttori di Aesis

MOIE – La società AESIS Srl nasce con l’obiettivo di diventare il punto di riferimento per il territorio della Vallesina per i servizi aerei con droni e del telerilevamento.

Difatti sia il nome che il simbolo del leone sul logo ne rimarcano l’identità territoriale. Conosciamo il fondatore della Società, Simone Gerini.

Buongiorno Sig. Gerini, innanzitutto vorrei che si presentasse.

«Buongiorno, sono nato a Jesi nel 1972, dopo il Liceo Scientifico mi sono arruolato in Aeronautica Militare, ho frequentato l’Accademia a Pozzuoli (NA) e mi sono brevettato Pilota Militare negli Stati Uniti presso la USAF. Rientrato in Italia ho volato su diversi velivoli sia a getto che turboelica per migliaia di ore di volo nei miei 22 anni di carriera. Da 4 anni mi sono congedato e ora volo come pilota presso una grande compagnia aerea straniera sul velivolo Boeing 757. I miei studi accademici mi sono valsi una Laurea in Scienze Aeronautiche presso la Facoltà Federico II di Napoli».

Simone Gerini

Perché è nata AESIS?

«Perché molte sono le opportunità di impiego in molti settori ma non tutti hanno la capacità tecnica o economica per munirsi di un drone e di sfruttarlo convenientemente nella propria attività economica/industriale. E per questi AESIS rappresenta la soluzione».

Perché AESIS rappresenterebbe la soluzione?

«Perché oltre al mero discorso di convenienza economica, c’è innanzitutto ed ancor di più l’importanza delle competenze aeronautiche che ci distinguono: un drone quando viene impiegato per “lavoro” assume la valenza di un aeromobile, tanto da essere assoggettato al Codice della Navigazione Aerea».

Quindi, per certi versi, un drone al lavoro si accosta più ad un Boeing 747 che ad un giocattolo?

«Sì, infatti la denominazione ufficiale è SAPR, ovvero “Sistemi Aeromobili a Pilotaggio Remoto”, come definito dal Regolamento “Mezzi Aerei a Pilotaggio Remoto” emesso dall’ENAC, “Ente Nazionale Aviazione Civile”».

Quindi cosa serve per pilotare professionalmente un drone?

«Dunque per pilotare un drone bisogna essere pilota di SAPR qualificato, possedere un certificato medico aeronautico, essere iscritto come Operatore Aereo presso l’ENAC ed avere una assicurazione obbligatoriaMolti studi tecnici, architetti e fotografi sono stati pionieri in questo campo ma in grande maggioranza hanno poi rinunciato, spesso perché trovano complicato affrontare le notevoli difficoltà burocratiche aeronautiche, persi tra il labirinto di permessi e divieti di sorvolo delle No Fly Zones. Altri invece non hanno ben sviluppato la capacità di condotta manuale dei mezzi ed affidandosi troppo agli automatismi dei droni stessi, li hanno persi in incidenti. E non parliamo di quanti svolgono abusivamente il lavoro con i droni, cosa molto grave a mio giudizio, perché oltre a non comprendere la pericolosità in certi contesti, espongono loro stessi e i committenti a ben definite responsabilità penali e a multe da molti zeri. Ho letto articoli di matrimoni dal conto molto salato e di persone denunciate perché facevano riprese e foto ricordo in spiaggia o in una bella piazza. Purtroppo la libera vendita dei droni genera una falsa percezione delle responsabilità che ne derivano dal suo uso. Su internet la cronaca è ricca».

In che cosa si distingue dunque AESIS?

«Il sottoscritto ha ideato AESIS innanzitutto da un punto di vista aeronautico, un “operatore aereo” con forti competenze aeronautiche, maturate in oltre 25 anni di attività. Questo a garanzia che ogni volo sia sempre fatto in rispetto alle regole vigenti e nella massima sicurezza, senza la paura di incappare inconsapevolmente in qualche grosso guaio. Infatti il nostro territorio è largamente affetto dall’aeroporto di Falconara che estende i suoi effetti per decine di chilometri: basti pensare che è tassativamente vietato volare nel raggio di 5 miglia nautiche, circa 9 chilometri e altre restrizioni di quota fino a 35 chilometri sul prolungamento dell’asse pista che, guarda caso, passa proprio su Jesi. Tuttavia, con i dovuti permessi, anche in queste zone si può operare. Ed è qui che AESIS fa la differenza, sapendosi interfacciare efficacemente con le istituzioni aeronautiche».

Fa tutto da solo?

«No, mi avvalgo di collaboratori che hanno una grande esperienza nel settore tecnico-civile con una spiccata conoscenza del territorio, un bel concentrato di forze, credo!».

A chi si rivolge AESIS?

«Si rivolge alle istituzioni, ai privati, al commercio, all’industria, all’agricoltura, ai servizi, insomma a tutti coloro che possono trarre un vantaggio dall’uso del drone e dei suoi sensori, senza l’onere di diventare loro stessi operatori aerei e tutto quanto ne consegue. I campi di applicazione sono molteplici, dalla semplice ripresa aerea, ai rilievi ortofotogrammetrici, all’acquisizione di cloud di punti per la progettazione georeferenziata, ai controlli sia in campo visivo che termico-infrarosso, alle riprese con sensori multispettrali a favore della agricoltura di precisione e del monitoraggio ambientale. Per non dimenticare i servizi nel controllo dell’ordine pubblico, di sicurezza e di ricerca e soccorso. Insomma, i campi di applicazione sono tanti, se qualcuno ci pone una esigenza, noi sviluppiamo la soluzione (siamo pronti a diventare il vostro partner di impresa: scriveteci a postmaster@aesis-services.eu o contattateci al 328 0116992).

Anche la Scuola.

«AESIS è stata selezionata da ITALDRON ACADEMY, leader nazionale nella formazione dei piloti di SAPR, a rappresentarla per la nostra regione. La BASE MARCHE è stata appena aperta e si trova presso il Campo Volo NEVERLAND di San Paolo di Jesi, via Colle 6. Le lezioni teoriche si svolgono presso le aule attrezzate della Biblioteca La Fornace di Moie. Quello che di speciale ci sentiamo di offrirvi è la competenza dello Staff Tecnico Operativo che si basa su una lunga esperienza addestrativa in ambito della formazione dei piloti dell’Aeronautica Militare prima ed esperienza di pilota di linea poi, che saprà trasmettervi efficacemente, tra l’altro, i concetti di Sicurezza del Volo, di Crew Resource Managment e tanto altro, con un approccio disciplinato all’esercizio del volo, anche se “con i piedi per terra”. Lo Staff istruttore si avvale della competenza di personale ad alta esperienza nel mondo tecnico-civile, con il quale ci sarà anche la possibilità di confrontarsi nelle tematiche di interesse.

L’obiettivo della Base Marche è quello di far acquisire ai futuri piloti SAPR il giusto livello di competenze tale da poter affrontare il successivo percorso di crescita professionale con una adeguata capacità e sicurezza.”

PROSSIMI CORSI INIZIANO IL 25-26 OTTOBRE. Per informazioni scrivere a marche.academy@italdron.com o telefonare al 328 0116992».

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*