Abusivismo edilizio, a Chiaravalle 45 strutture irregolari sulle sponde dell’Esino. Oltre 50 denunce



CHIARAVALLE – Sono 56 le persone denunciate nell’ambito di una vasta operazione finalizzata al contrasto dell’abusivismo edilizio. Gli uomini della Forestale hanno rinvenuto 45 strutture abusive in una zona di notevole interesse pubblico, situata sule sponde dell’Esino, nel territorio comunale di Chiaravalle. L’operazione si è conclusa nei giorni scorsi: l’indagine, condotta dal Comando Stazione Forestale di Ancona, su delega della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Ancona, ha riguardato le aree rurali. Nel corso delle indagini, dirette dal Sostituto Procuratore Dott. Paolo Gubinelli, sono state verificate numerose situazioni di dubbia regolarità urbanistico-edilizia nel Comune di Chiaravalle, in area agricola sita in zona di particolare pregio ambientale, ubicata sulla sponda sinistra del Fiume Esino, inclusa nelle aree dichiarate “di notevole interesse pubblico” dal Decreto Ministeriale 31 luglio 1985. Le indagini, condotte in due fasi, hanno dapprima consentito di individuare la presenza di 15 manufatti agricoli ed un’abitazione abusivi, in quanto i permessi di costruire rilasciati in sanatoria a seguito condono edilizio, risultavano inefficaci poiché carenti delle necessarie autorizzazioni paesaggistiche che avrebbe dovuto rilasciare la Provincia di Ancona. Successivamente, nel corso delle indagini, sono state individuate altre 30 strutture (accessori agricoli, manufatti per allevamento, garages, depositi attrezzi, ecc.) e una strada, anch’esse abusive in quanto totalmente prive di permesso di costruire e autorizzazione paesaggistica. Sotto esame anche i permessi di costruire relativi a due edifici residenziali, realizzati in altre due località di Chiaravalle, rilevando anche in questi casi permessi di costruire inefficaci per gravi difformità al Testo Unico sull’Edilizia e al Piano Regolatore del Comune. L’attività di indagine ha comportato l’invio alla Procura della Repubblica di 38 comunicazioni di notizie di reato a carico di 56 soggetti, per reati che vanno dalla realizzazione abusiva di immobili in zone vincolate in assenza di permesso di costruire e di autorizzazione paesaggistica, alle false attestazioni, dichiarazioni e asseverazioni da parte dei progettisti incaricati e degli stessi proprietari. Sottoposta al vaglio dell’Autorità Giudiziaria anche la posizione di due tecnici comunali che hanno rilasciato i permessi di costruire in sanatoria risultati inefficaci per i vizi illustrati in precedenza. Le indagini sono state rese difficoltose dalla sottrazione, da parte di ignoti, di gran parte della documentazione relativa ai condoni edilizi, presente negli archivi dell’Ufficio Tecnico Comunale, fatto segnalato alla locale Stazione Carabinieri, che sta svolgendo gli accertamenti del caso.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*