App Immuni da oggi attiva: intervista all'esperto web Matteo Baleani | Password Magazine

App Immuni da oggi attiva: intervista all’esperto web Matteo Baleani

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
matteo baleani
Matteo Baleani, esperto in web marketing

Un’applicazione per dispositivi mobili che ha destato interesse anche ai meno tecnologici all’ascolto: la App IMMUNI è stata lanciata dal Ministero della Salute il 1Giugno, con il fine di monitorare i contagi da Covid-19.

Attivo dal 3 Giugno, al momento sono solo quattro le regioni che fungono da “regioni pilota”: Marche, Liguria, Puglia e Abruzzo.

IMMUNI è un’applicazione gratuita, scaricabile per dispositivi iOS e Android. Ci sono tuttavia diversi interrogativi: ne discutiamo con Matteo Baleani, già collaboratore di Password Magazine ed esperto di web marketing e social media.

Matteo, ci spieghi la funzionalità di questa app?                                                                                   « «Si tratta di un’app di contact tracing per il covid-19 utile ad avvisare i cittadini su un loro possibile contagio tracciando, tramite bluetooth, le persone con cui l’ipotetico nuovo malato è entrato in contatto nel periodo di potenziale infettività. Questo per evitare ulteriore diffusione e mettere in allerta le persone che poi potranno liberamente confinarsi in casa e/o effettuare un tampone».

 Chi deve scaricarla? C’è una categoria per la quale è obbligatorio scaricarla?L’app dovrebbe essere scaricata da tutti.                                                                                                                   « «Per funzionare bene e avere una carta efficacia deve necessariamente lavorare almeno nel 60-70% degli smartphone della popolazione. Più una persona circola ed ha contatti più risulta necessaria. Il governo non l’ha resa obbligatoria ne sarà un lasciapassare per superare confini o entrare in qualche luogo (cosa invece realizzata in altri stati)».

Molti si sono chiesti in che maniera i nostri dati, e quindi la nostra privacy, non siano intaccati dal momento in cui quest’applicazione viene installata.                                     «L’invasione, se così vogliamo chiamarla, della nostra privacy da parte dell’app Immuni è ridotta all’osso. Nettamente inferiore a quella di qualunque social media, diversa ma paragonabile alle applicazioni di terze parti negli stessi (“a quale animale assomigli” vi dice niente?). I dati a cui potrà accedere saranno assolutamente imparagonabili a quelli che continuamente forniamo a Google, Apple o Microsoft. Per qualcuno questo potrebbe essere un punto di vantaggio, per me è il suo più grande limite. Fortunatamente il numero dei contagiati sta scendendo oltre le più rosee aspettative altrimenti per continuare con la nostra vita o almeno con una versione decente di essa, comprendendo l’impossibilità di fermare tutto per mesi e mesi, l’utilizzo di app come questa ma dal maggior tracciamento e scambio di dati, poteva essere uno dei migliori strumenti per andare avanti».

Una volta scaricata, sicuri di non correre rischi, cosa dobbiamo fare?
«Una volta scaricata va attivata sul proprio smartphone. Ogni giorno apriamola per verificarne lo stato di operatività (alcuni smartphone non particolarmente performanti potrebbero chiuderla come nessuna app è immune a qualche bug che ne porta alla sospensione imprevista). La stessa ci chiederà di mantenere attivo il bluetoothproprio per rilevare i dispositivi nelle vicinanze con cui entreremo in contatto. Per funzionare è obbligatorio tenere attiva la geolocalizzazione, la “posizione” ma, attenzione, questa servirà per un miglior rilevamento e non fornirà ulteriori dati. Nessuna informazione infatti andrà nei server esterni che non potranno identificare gli utenti. Soltanto voi, tramite notifica, saprete. Gli scambi e le chiavi anonime resteranno all’interno degli smartphone, in ottemperanza al modello DP-3T (se volete saperne di più)».

 Si è anche ironizzato sulla grafica e il template di questa applicazione, sembra effettivamente richiamare il social dei social, ovvero Facebook. C’è un legame di cui non siamo a conoscenza?
«Credo abbiano semplicemente utilizzato una grafica somigliante alle app maggiormente in uso (facebook ma ancor di più il material design di Google) per far sentire le persone più a loro agio. Nessun legame tra le due aziende».

Tu l’hai scaricata?
«È installata ed operativa nel mio smartphone dal primo giorno».

 Utile e sicura, l’App Immuni può tutelarci e tutelare gli altri. Perché allora non scaricarla? Diteci la vostra!

A cura di Giovanna Borrelli

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.