«Area Vasta 2, sanità al tracollo tra tagli e personale in fuga»

JESI – È stata una commissione dai toni accesi quella di ieri pomeriggio sulla sanità. Intorno al tavolo della sala consiliare, i vertici Asur hanno incontrato sindacati, Rsu, sindaco, assessori, consiglieri comunali e regionali in un incontro pubblico aperto anche ai comitati, Tribunale per i Diritti del Malato e alle associazioni a difesa della salute cittadina. Al centro della discussione il piano ferie, il calo del numero di posti letto e un taglio ai costi del personale pari a 4 milioni di euro: «Una sanità portata alla devastazione per favorire la privatizzazione  – tuonano i sindacati e Rsu rappresentati da Michele Stronati, Giacomo Mancinelli, Stefania Franceschini e Paolo Sebastianelli -. I tagli dell’Asur sono stati applicati in maniera iniqua, la nostra Area Vasta è la più penalizzata. Non sappiamo più a che punto siamo: se riceveremo il premio per la virtuosità di cui si era parlato o se siamo sull’orlo del commissariamento». Contratti a tempo determinato con validità 48 mesi, costringe il personale periodicamente a guardarsi intorno e a privilegiare altre sedi anche fuori regione: «Ogni anno assistiamo a fughe di personale – continuano -. Il problema non sono il piano ferie o l’estate ma la mancanza di organico nelle unità operative».

Una situazione che è al tracollo e che va risolta entro settembre o potrebbero esserci altri problemi già da questo mese. Lo dice la dott.ssa Stefania Mancinelli, direttrice del presidio ospedaliero: « Abbiamo avuto un calo di 17 unità solo nel mese di giugno, cui si aggiungono le altre defezioni e maternità. Abbiamo chiesto al Direttore Asur di intervenire: se riusciamo a tamponare le defezioni con altre risorse si potrà andare avanti garantendo il servizio o la situazione peggiorerà». Ad intervenire anche la dott.ssa Rosaria Ciancaglione: «Ci sono altre 312 unità a tempo determinato che rischiano di non essere confermate, la proroga del termine di scadenza è solo una situazione temporanea, così come quella di risolvere le carenze di personale con gli accorpamenti tra reparti. Servono risorse aggiuntive e un piano occupazionale che dia sicurezze. «La prospettiva è quella di ragionare in un’ottica di Area Vasta composta da tre presidi ospedalieri – spiega il nuovo direttore dell’Area Vasta 2 Giovanni Guidi, succeduto a Coacci, dimessosi non appena dopo un mese dall’incarico -. Lo scorso anno l’occupazione è aumentata del 71%. 38 nuovi dirigenti medici sono stati assunti e il 46% sono finiti al Carlo Urbani di Jesi; 15 i nuovi primari di cui la metà pure sono andati a Jesi».

Numeri che però non convincono alcuni consiglieri comunali (ad intervenire Claudia Lancioni del M5S, Marco Giampaoletti di Insieme Civico, Osvaldo Pirani del PD, Lindita Elezi di Patto x Jesi) e regionali (presenti Enzo Giancarli del PD e la grillina Romina Pergolesi) né tanto meno comitati, associazioni e sindacati. Si punta il dito allora contro gli assenti – mancava al tavolo il direttore dell’Asur Marche – e contro le questioni non risolte come l’ampliamento del Pronto soccorso annunciato un anno fa e di cui non si hanno avuto più notizie, la demolizione dell’ex ospedale di viale della Vittoria, l’attivazione della conferenza dei sindaci come strumento efficace per segnalare le criticità: «C’è bisogno di far chiarezza – è l’affondo del sindaco Massimo Bacci rivolto all’Asur e alla Regione -. Chi non è in grado di ricoprire un ruolo, si faccia da parte: in questo momento c’è bisogno di una linea politica chiara».

A cura di Chiara Cascio

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*