Elezi (Patto x Jesi): «Barriere architettoniche nel distretto di via Guerri, l’Asur intervenga»

JESI – «Il problema del personale nella Sanità Jesina è particolarmente grave e rischia di ripercuotersi sulla tenuta dei serviziLa mia preoccupazione, inoltre, riguarda nche la mancata applicazione della legge 68/99 sulle Categorie Protette».

La Capogruppo della Lista Civica Patto per Jesi Lindita Elezi interviene a margine della riunione di ieri pomeriggio della Commissione Consiliare per discutere il problemi della Sanità, con riferimento particolare al Carlo Urbani.

«Condivido le preoccupazioni sia della RSU che delle organizzazioni sindacali sulla tenuta dei servizi ospedalieri e territoriali durante il periodo estivo per la mancata assunzione di personale – soprattutto infermieristico e operatori socio sanitari – e per le riduzioni di posti letto in numero più massiccio rispetto agli anni scorsi – spiega la Elezi, infermiera professionale presso il dipartimento di Prevenzione dell’Area Vasta 2 – Desidero però richiamare l’attenzione anche sulle assunzioni di personale come previsto dalla normativa 68/99 per il diritto del lavoro ai disabili. Mi preme d’altra parte denunciare le difficili condizioni in cui versano dipendenti disabili e utenti non deambulanti, che nel distretto di via Guerri, sede delle Commissioni Invalidi, si trovano paradossalmente ostacolati nell’accesso alla struttura da barriere architettoniche» .

«Queste sarebbero peraltro facilmente eliminabili – conclude la Elezi – ma a tutt’oggi l’Azienda Sanitaria non ha provveduto a disporre gli interventi necessari, nonostante le tante segnalazioni da parte mia e dei Rappresentati dei Lavori per la Sicurezza (RLS)»

2 Commenti su Elezi (Patto x Jesi): «Barriere architettoniche nel distretto di via Guerri, l’Asur intervenga»

  1. Grazie Lindita per aver DATO VOCE ad un problema (Disabili) “barriere architettoniche” MAI ASCOLTATO!!!!! GRAZIE

    • Cara Luisita, questo è un tema spesso considerato di serie B e invece le barriere condizionano la qualità della vita di chi ogni giorno fa i conti con difficoltà di accessibilità e mobilità.
      La mia non è solo una denuncia, ma mi batterò perchè questo problema venga risolto.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*