Bloccati a Tenerife, 6 jesini 'prigionieri' dell'isola: «Ci sentiamo in gabbia» | | Password Magazine

Bloccati a Tenerife, 6 jesini ‘prigionieri’ dell’isola: «Ci sentiamo in gabbia»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – In vacanze ‘forzate’ a Tenerife. Un vero e proprio incubo per 6 pensionati, tre coppie di Jesi e Monsano, prigionieri dell’isola insieme ad altri 300 italiani che non possono far rientro per l’emergenza dopo lo stop ai voli arrivato dalla Spagna. Molto preoccupata la figlia della coppia jesina, dato che sull’isola iberica sono già iniziati i primi casi di contagio: «Non riescono a rientrare, mio padre si è anche rivolto alla Farnesina ma l’impiegato ha risposto di non aver disposizioni in merito  – spiega la donna -. Io mi sono rivolta a tutti, ho provato anche ad inviare una mail al ministro degli Esteri ma finora non è cambiato niente». I 6 sono partiti per Tenerife due settimane fa e, dopo il soggiorno, sarebbero dovuti rientrare il 12 marzo: purtroppo però, al momento del check in, hanno scoperto che il volo era stato bloccato fino a l’8 aprile. «Il provvedimento dovrebbe scadere il 25 marzo e potrebbero tentare di rientrare con un’altra compagnia – continua la jesina -. Hanno già pagato l’albergo per altre due settimane ma, se ne ce ne fosse la possibilità, sarebbero pronti a rientrare immediatamente». I sei pensionati infatti sono per età anche tra le categorie più deboli a rischio e l’arrivo di nuovi turisti sull’isola da ogni dove dell’Europa non li tranquillizza: «Parlo con i miei tutti i giorni, mi dicono di sentirsi in gabbia – spiega la donna -. Temo che se venissero contagiati potrebbero non avere un’assistenza sanitaria adeguata. Inoltre per me sarebbe impossibile raggiungerli». L’unica possibilità per loro di rientrare sarebbe atterrare in altre capitali europee e poi avvicinarsi il più possibile in treno, con il rischio che vengano trattenuti altrove.  Intanto anche a Tenerife è iniziata la corsa ai supermercati ed è caccia alle mascherine: «Le mascherine sono già introvabili, nel giro di poco anche l’isola è stata raggiunta dall’allarmismo  – aggiunge la jesina -. Loro, come altri italiani ‘prigionieri’ dell’isola, stanno facendo scorte di cibo e beni di prima necessità, rassegnati oramai di dover restare lì ancora a lungo».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.