Astralmusic

Carenza di cibo per i volatili durante la neve. Come aiutarli?

Astralmusic

CURIOSITA’ – In questo articolo vi avevamo parlato delle difficoltà che i cani stavano incontrando presso il canile di Jesi e Moie a causa del freddo. Ma la neve sta mettendo in difficolta anche i volatili che, avendo tutto il terreno coperto, non riescono facilmente a trovare qualcosa da mangiare. Inoltre con il freddo aumenta la necessità di mantenere la giusta temperatura corporea e questo è possibile solo tramite le calorie ricavate dal cibo.

Sono disponibili nei negozi specializzati diverse mangiatoie da appendere e dove mettere del cibo ma vista l’urgenza del periodo e la difficoltà spesso anche negli spostamenti, qualunque cosa improvvisata potrebbe andare bene, l’importante è che sia ben visibile (davanzale dei terrazzi o finestre vanno bene) in quanto dovrebbe essere vista dalla zona di volo.
Ma cosa dare da mangiare ai piccoli uccellini? Solitamente non è molto consigliabile, in questi periodi, la classica mollica di pane (meglio biscotti sbriciolati se proprio non si ha altro). Il menù migliore è formato da quello che solitamente trovano in natura: semini vari, frutta ben matura e bacche. Vanno bene anche frutta secca, uva passa e arachidi (senza sale). Non dimentichiamoci, se possibile, anche piccoli pezzetti di carne o croste di formaggio. Ovviamente se si possiedono cani e gatti in casa va fatta attenzione ad un possibile agguato ai danni del volatile.

Il cibo andrebbe cambiato, e la ciotola ripulita, ogni giorno per evitare il proliferare di agenti patogeni.

Pettirosso che mangia briciole opportunamente lasciate

Di seguito la miglior scelta di cibo divisa per tipologia di volatile:

Briciole di dolci: pettirossi (come in foto), picchio muratore, cince, regoli, fringuelli, capinere, merli.
Semi di girasole: verdoni, picchio muratore, cince.
Canapa, semi di mais e mais tritato: Cardellini, verdoni,
fringuelli.
Grasso e carne: pettirossi, merli, tordi, cince, stormi.
Croste di formaggio: scriccioli, regoli, merli, pettirossi.
Frutta secca: picchio muratore, cince.
Frutta fresca: storni, capinere, pettirossi, merli, tordi, cinciarelle

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*