Carlo Urbani, il Tribunale Diritti Malato: «Nel 2018, a rischio molte unità specialistiche» | | Password Magazine

Carlo Urbani, il Tribunale Diritti Malato: «Nel 2018, a rischio molte unità specialistiche»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – È notizia di questi giorni che la Cardiologia –UTIC di Senigallia resta a Senigallia per grazia ricevuta dal Direttore dell’ASUR Marini. Alla conclusione positiva della questione si è arrivati con una forte mobilitazione della politica, in primis del Sindaco Mangialardi, che ha tenuto alta l’attenzione sul problema facendo pressing sulla Regione.

«Tutto ciò, ovviamente, a noi non può che far piacere sia per i cittadini di Senigallia  sia perché la questione che, come si dice,  “docet”  ovvero insegna che  il “potere” del Sindaco in campo sanitario. se esercitato in maniera forte ed autorevole,può influenzare le scelte della Regione,  un potere che dobbiamo rivendicare con forza anche qui a Jesi – scrive il coordinatore del Tribunale per i Diritti del Malato Pasquale Liguori – Dobbiamo farlo in questo momento per assicurare la sopravvivenza della Broncopneumologia che si avvia verso un sicuro accorpamento dopo la  chiusura provvisoria fino al 10 gennaio 2018 se non arriveranno i medici necessari a tenerla in vita».

Per Liguori, il 2018 sarà un anno decisivo per il futuro dell’ospedale jesino:«Vi saranno molti pensionamenti annunciati di direttori e dirigenti medici che faranno aumentare la preoccupazione dei cittadini sulla sopravvivenza di alcune importanti unità specialistiche , come  Ginecologia-Ostetricia, Gastroenterologia, Urologia , Otorinolaringoiatra. Quest’ultima, già lo diciamo da tempo, resterà  con un solo medico e  quindi  non potrà assicurare le prestazioni che sino ad oggi ha garantito , con pesanti riflessi sui cittadini  della Vallesina che dovranno cominciare a” viaggiare” per tutto il territorio dell’Area Vasta 2».

L’aspetto però che maggiormente preoccupa il Tribunale per i Diritti del Malato e che potrebbe mettere a serio rischio la vita dei  pazienti è che «L’otorino h24 è previsto soltanto a Fabriano e Ancona, per cui se, dopo un intervento di tonsillectomia sopraggiunge un emorragia per un paziente di Jesi o Senigallia in fasce orario in cui non c’è l’otorino che ha eseguito l’intervento, egli dovranno raggiungere in emergenza Fabriano o Ancona , con la speranza che possano arrivare per tempo».

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.