Facebook, un arcobaleno per testarci tutti | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Facebook, un arcobaleno per testarci tutti

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

 

USERNAME/ Inizia qui Username, la rubrica di tecnologia e società che vi dà appuntamento ogni settimana qui sul portale web della rivista Password.

Società, tecnologia e comunicazione, dunque, le tre parole perfettamente integrate anche nella campagna Facebook che sicuramente avrete notato in questa ultima settimana. Grazie ad un app del sito stesso, la “celebratepride” ognuno di noi puo’ filtrare la propria immagine del profilo con i colori arcobaleno tipici della bandiera della pace barra manifestazioni di associazioni per i diritti dei gay. Sarà stato sufficiente collegare questa iniziativa con il Gay Pride appena passato, fare due conti e comprendere come l’app proposta da Facebook altro non era che un modo per esprimere solidarietà ai manifestanti e alle loro idee a favore di unioni e matrimoni tra persone dello stesso sesso.

Purtroppo, non credo proprio che la realtà sia questa. Stiamo parlando di social network, di raccolta dati e infatti la campagna probabilmente altro non era che un’indagine di mercato abilmente camuffata finalizzata allo studio della propagazione di fenomeni virali. Tali indiscrezioni vengono confermate da vari specialisti di comunicazione come Cesar Hidalgo del MIT e Stacy Blasiola dell’Università dell’Illinois.

Per farla breve, Mark  Zuckerberg e la sua squadra, hanno deciso di cogliere al balzo l’occasione Gay Pride e di sfruttarla per racimolare dati utili alla creazione di altre eventuali applicazioni e analizzare  i flussi e le tempistiche che consentono la diffusione di un preciso messaggio attraverso il loro social. Oltre 30 milioni di persone hanno aderito immediatamente alla campagna rendendosi inconsapevoli cavie di un esperimento atto a valutare le reazioni di fronte ad un tema di attualità molto sentito. Ma non pensate che il più famoso social network sia alla sua prima opera di questo tipo. Creare, camuffandoli da opera di bene o ludica, dei conflitti atti a suscitare dibattiti è alla base del successo di facebook. Iniziative virali dove due fazioni ben distinte se le danno di santa ragione a suon di condivisioni e commenti che, oggettivamente, non aiuta mai nessuna delle due cause ma solo l’espansione e la raccolta dati del famoso social network è un fenomeno che prende il nome di “slacktivism”.

Interessanti ricerche erano state già fatte nel 2013 quando, sempre un’iniziativa a sostegno dei matrimoni gay, aveva evidenziato come certe manovre non solo potevano presentare ottimi spunti statistici ma erano addirittura in grado di influenzare le persone incerte o con un’idea ancora non ben definita. Non era infatti il numero di “partecipanti” ad attirare l’attenzione quanto il fatto che più un iscritto a Facebook vedeva crescere il numero di amici coinvolti, più era portato a fare lo stesso e, di conseguenza, a formarsi una sua idea.

Questi utenti si rendono conto che, mentre esercitano grazie al web una forma di libero arbitrio, forniscono al contempo informazioni preziose a chi le masse, un domani, potrebbero indirizzarle annullando in parte proprio questa forma di libera scelta? Qualcuno probabilmente no, ma ormai molti degli utilizzatori fissi di social network hanno imparato a capire certe dinamiche, non sono più di primo pelo, di conseguenza credo se ne rendano conto ma allo stesso tempo non gli attribuiscano importanza o, per i più svegli di loro esattamente come ha scritto sul proprio profilo una degli specialisti sopracitata, diranno “questo è uno degli studi di facebook al quale voglio partecipare”.

A cura di Matteo Baleani

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.