Jesi, Torre Erap di nuovo al centro del dibattito politico | Password Magazine
Festival Pergolesi

Jesi, Torre Erap di nuovo al centro del dibattito politico

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Torre Erap di nuovo al centro del dibattito politico. A farla tornare tema di discussione i fatti di ieri mattina, quando un operaio è salito sulla gru minacciando di uccidersi per porre fine alla sua disperazione. Un gesto estremo riconducibile a disagi economici per stipendi non ricevuti.

Meet Up Spazio Libero riferiva ieri sulla pagina social che il sindacato stava proclamando lo stato di agitazione:

«Chiesto incontro con l’Ente e il Comune, irreperibile l’imprenditore della ditta che esegue i lavori.
Ci sembra allora opportuno ricordare che già un anno e mezzo fa come MeetUp Spazio Libero avevamo chiesto chiarimenti riguardo al titolare della ditta aggiudicataria dei lavori, indagato dalla procura di Cassino per reati legati all’ottenimento della concessione edilizia e con un cantiere sequestrato a Gaeta».
Lo ricorda anche Jesi in Comune, all’opposizione in Consiglio comunale:
«Su segnalazione del Meet up avevamo fatto un’interrogazione per approfondire la situazione della ditta che ha in carico l’appalto – scrive sui social – L’assessore Renzi allora ci rispose che il Comune si stava informando tramite l’Erap, aggiunse anche che avevano le mani legate su questa situazione, ma che sicuramente avrebbero vigilato sull’accaduto. Da quel giorno silenzio assoluto sulla questione, fino a questa mattina (ieri, ndr), quando un lavoratore esasperato dalla situazione ha dovuto commettere un gesto eclatante per chiedere quello che la legge prevede, uno stipendio regolarmente pagato e delle condizioni di lavoro sicure.
Oggi più che mai siamo certi che la costruzione della torre rimarrà nella storia di Jesi (e dell’amministrazione Bacci tutta) come un a vergogna che sarà difficilmente dimenticabile e sanabile».
Pronta la replica dell’Amministrazione comunale:
«Veramente triste registrare che la disperazione di un operaio venga sfruttata da alcuni per rilanciare accuse assolutamente prive di fondamento. Assurdo appare, infatti, coinvolgere il Comune di Jesi sugli sviluppi di un appalto che vede, come stazione appaltante e committente dello stesso, un altro soggetto pubblico. Non ci sorprenderemmo se gli stessi soggetti in futuro ci accusassero della mancata realizzazione del raddoppio della rete ferroviaria che collega Ancona a Roma.

I fatti hanno dimostrato, in maniera inequivoca, chi sono coloro che hanno deciso di realizzare acquerello; hanno nomi e cognomi ben precisi e non fanno parte di questa Amministrazione comunale. Sono, viceversa, molto più vicini al pensiero e all’azione di chi strumentalizza: capiamo perfettamente che questo dia loro fastidio, ma se ne facciano una ragione».

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.