Maiolati, precisazioni su tariffe applicate da Sogenus | | Password Magazine

Maiolati, precisazioni su tariffe applicate da Sogenus

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

MAIOLATI SPONTINI – Il sindaco Umberto Domizioli intende fare alcune doverose precisazioni a seguito delle notizie apparse in questi giorni in merito alle tariffe applicate da Sogenus.

Precisazioni che non vogliono certo sollevare ulteriori polemiche ma che derivano da una constatazione oggettiva: la necessità di fornire dati, su cui eventualmente discutere e confrontarsi, che siano oggettivi e trasparenti. Ed ecco il punto. “La tariffa che Sogenus applica ai conferimenti dei rifiuti solidi urbani in discarica non è stabilita né dalla stessa Sogenus, né dal comune di Maiolati Spontini, ma è approvata, dopo attente verifiche, dalla Provincia. La tariffa che Sogenus applica è nettamente inferiore alla media nazionale (dove, da una recente indagine, è risultata una punta massima di circa 170 euro (più del doppio di quella della Sogenus). L’incidenza della tariffa della discarica Cornacchia sulla Tari è mediamente intorno al 15%. Analizziamo nel dettaglio la situazione del comune di Maiolati Spontini che ha un’incidenza della tariffa Sogenus sulla Tari pari a circa l’11,70% (simile a quella degli altri Comuni). Se escludiamo la tassa provinciale (5%), una utenza residente con un nucleo familiare di due persone e superficie tassabile di 100 mq, prendendo le tariffe 2014, a Maiolati Spontini, per conferire i rifiuti in discarica paga circa 16,3 euro l’anno (meno di 5 centesimi al giorno) e paga 123,3 euro l’anno per le altre voci che compongono la Tari. Estremizziamo: se la tariffa Sogenus venisse dimezzata, la famiglia pagherebbe circa 9 euro in meno l’anno (meno di 3 centesimi al giorno). Se, per assurdo, la tariffa Sogenus raddoppiasse, la stessa famiglia spenderebbe circa 10,5 euro in più l’anno (in totale poco più di 7 centesimi al giorno). Sono queste le cifre reali, tutto il resto rientra in una strategia che mira solo a creare confusione e, probabilmente, a distogliere l’attenzione su altri problemi. L’enfasi e il clamore unite a false ‘verità’, con cui si sta affrontando questo argomento, fanno venire la tentazione di pensare che molti non hanno altri argomenti di cui parlare o progetti su cui impegnarsi. Suggeriamo modestamente: il problema dell’associazionismo, dell’Unione dei Comuni in prospettiva di fusioni, di come riuscire a garantire ai cittadini servizi fondamentali che sono sempre più a rischio e che solo con una gestione associata, convinta, reale e realizzata nel breve tempo possono avere prospettive positive”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.