«Ride Through», il libro autobiografico di Alessia Polita | Password Magazine

«Ride Through», il libro autobiografico di Alessia Polita

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Foto: Paolo Barigelli

JESI – Esce oggi Ride Through, il libro autobiografico di Alessia Polita. L’ex pilota jesina, in sedie a rotelle dal 2013 per un incidente in pista a Misano, mette su carta la sua storia: dagli alti e bassi sportivi alle continue sfide che sin da bambina ha dovuto affrontare, la più difficile quella della disabilità.
La presentazione è prevista giovedì 11 marzo, ore 21.15, all’interno di un evento su Zoom organizzato da Fidapa Jesi.

«La moto per me era uno stile di vita, la mia passione, il mio obiettivo» racconta Alessia. Ride Through è la storia di chi le viene tolto tutto in un secondo, di chi nella difficoltà trova l’opportunità di vivere una seconda vita, totalmente differente.

Alessia, come è nata l’idea del libro?
«Ho iniziato a scrivere quando ero ancora al centro riabilitativo di Montecatone. Sono sempre stata una grande lettrice, in più mi piaceva annotare riflessioni in diari segreti. Così un giorno,  stanca di non poter sfogare le incertezze e le fragilità di quel periodo, mi è partita la penna. Ho iniziato ad annotare i miei pensieri, lo facevo soprattutto di notte. E il libro ha pian piano preso forma nella mia testa».

ALESSIA B_GRAFICA_WEB (1)
Il libro disponibile su Amazon.

In Ride Through, c’è molto più di un racconto di vita…

«Attraverso i social ho sempre sentito forte l’affetto e la vicinanza dalle persone: così ho pensato che questo libro potesse contenere un valore aggiunto, ovvero essere portatore di un messaggio. Nel far conoscere i miei drammi, posso essere un punto di riferimento e uno stimolo per gli altri. Oggi mi sento una donna forte, sono una persona che ha lottato per superare i momenti difficili della propria vita: spero che la mia esperienza possa essere di aiuto a qualcuno, che stia in sedia oppure no».

Le prime barriere che hai dovuto affrontare sono state quelle del pregiudizio.

«Credo che la mia storia possa essere da stimolo anche nello sport. Ero una donna che correva tra gli uomini e io volevo abbattere quelle barriere mentali, vincere gli stereotipi. Trovavo ingiusto che le mie capacità di pilota fossero messe in discussione solo perché ero donna».

E invece tu eri una che sapeva ‘dare il gas’. E lo hai fatto anche dopo l’incidente, quando sono arrivate nuove altre barriere da abbattere…

«Gli ultimi sette anni sono stati davvero difficili. Mentre li attraversavo, a mano a mano aggiungevo pagine al mio libro. Per questo ho impiegato molto tempo per finirlo: ciò che si legge non è un ricordo ma il lungo e vero percorso che mi ha portato fin qui. Ci sono i giorni in rianimazione, il dolore provato, le paure, il recupero dall’incidente, la nuova vita in sedia e il dover ripartire dai gesti più semplici, come imparare di nuovo ad allacciarsi le scarpe. Poi il crollo, con l’incidente di Eddi. E infine la volontà di volercela fare».

Tutto questo si rispecchia anche nel titolo del libro, Ride Through. Che cosa significa?

«L’espressione è un termine specifico motociclistico che significa attraversare. Questo titolo è in grado di rappresentare appieno la mia vita, sia gli anni da sportiva che la mia storia personale. In Ride Through ci sono tutte le esperienze che ho dovuto attraversare, sia belle che brutte. E il libro è stato il mio compagno di viaggio».

Il libro esce oggi, è autoprodotto e si può acquistare su Amazon. Come ti senti a riguardo?

«Beh, in quelle pagine ci sono io ed è un po’ come mettersi a nudo: questo mi agita e allo stesso tempo mi emoziona».

Cosa c’è nel futuro di Alessia?

«Spero che il libro possa essere una lettura per uno spunto in positivo. Per il resto, continuerò a vivere alla giornata, a lavorare ed essere serena, accogliendo il domani che verrà».

A cura di Chiara Cascio

 

 

2 Commenti su «Ride Through», il libro autobiografico di Alessia Polita

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.