«Otto marzo per riappropriarsi dei Diritti e renderli attuali e concreti» | Password Magazine
Lulù  

«Otto marzo per riappropriarsi dei Diritti e renderli attuali e concreti»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

ANCONA – «Otto marzo, bisognerebbe abbandonare i connotati di ricorrenza commerciale per riappropriarci dei diritti costituzionalmente sanciti che hanno fatto l’impegno e la storia della nostra Italia rendendoli attuali e concreti».

Così la dott.ssa Anna Grasso, segretario Pari opportunità UGL Marche e provinciale Ugl funzioni e Polizia locale Marche e rappresentante coordinamento nazionale polizia locale: «In conseguenza di questa pandemia le ripercussioni sociali ed economiche hanno impattato in modo netto sulla partecipazione femminile al lavoro evidenziando un brusco aumento della disoccupazione oltre ad evidenziare un gap salariale che spesso discrimina la donna lavoratrice nonostante la grande competenza la qualificazione e la preparazione».

Uno studio effettuato al tavolo nazionale “Lock Women Down” effettuato dall’Ugl con l’Osservatorio nazionale antimolestie ha evidenziato dei risultati allarmanti: «Il multitasking femminile duro compromesso tra il mondo del lavoro e la cura della famiglia spesso con assunzione in quest’ultima di un netto sbilanciamento nei confronti del partner – prosegue Grasso -. Siamo ancora lontanissimi da interventi concreti che facilitino i tempi di conciliazione tra famiglia e lavoro. Si evidenzia lo stress potentissimo delle madri che hanno dovuto seguire i figli in cambiamento scolastico della didattica a distanza. Spesso le nostre donne impegnate in prima linea in tanti ruoli hanno dovuto tristemente scegliere tra il lavoro e la famiglia con contrazione delle nascite. Per evidenziare poi la fragilità delle sottomissioni delle prevaricazioni che spesso nel mondo del lavoro deve subire che passa attraverso discriminazioni e lessico non consono fino a prevaricazioni. Altro effetto tsunami della pandemia è stato l’aumento della violenza tra le mura domestiche e i casi di femminicidio».

Al giallo delle mimose si sostituisce il rosso del sangue versato dalle donne vittime di femminicidio, omicidio doloso o preterintenzionale adoperato nei confronti di una donna uccisa per motivi basati sul genere: «Nonostante la riforma della normativa vigente con la legge 69/2019 nota come codice rosso che ha modificato sia processualmente che penalmente istituti per garantire maggiore tutela. Anche la fattispecie del revenge porn nota come diffusione illecita di immagini a sfondo sessuale senza il consenso della parte con il fine di recare nocumento alla vittima. Sicuramente l’inversione di rotta in questi fenomeni dilaganti sono da ricercare nella radice culturale e di educazione».

Non bisogna accettare passivamente come diceva Honorè de Balzac: La rassegnazione è un suicidio culturale. E’ per questo che l’UGL in pieno lockdown ha attivato uno sportello psicologico gratuito con la collaborazione della dott.sa Valentina Marra specializzata in psicologia analitica che ha evidenziato. Le criticità del periodo pandemico da un punto di vista psicosomatico evidenziando il ruolo della figura professionale della psicologa fondamentale soprattutto sul posto di lavoro ed in ogni contesto pubblico e privato. «La pandemia da Sars Covid-19 continua ad avere conseguenze drammatiche su tutta la popolazione – afferma il segretario Grasso – Tale patologia non ferisce soltanto il corpo, anche la psiche è stata gravemente colpita. È noto che pandemie, catastrofi naturali o altri eventi di crisi rappresentino una minaccia per la salute mentale.
La paura, il senso di solitudine è di abbandono durante il periodo di isolamento in casa o ricovero in ospedale, la sospensione di ogni attività ricreativa e spazio relazionale- Il lavoro estenuante per gli operatori sanitari e le forze dell’ordine, gli episodi di violenza domestica e la chiusura scolastica, sono aspetti non trascurabili che avranno conseguenze a medio-lungo termine. L’emergenza psicologica chiede la presenza di figure professionali che sostengano la popolazione in questo particolare periodo».

L’assenza di un orizzonte temporale che ne definisca la fine, tende a diminuire la progettualità esistenziale, non c’è più un futuro al quale volgere lo sguardo, si vive il presente e ci si rifugia nel passato.

La dott.ssa Anna Grasso, rappresentante sindacale UGL, si auspica quindi un futuro di rilancio e di osservazione delle esigenze attuali del mondo femminile abbandonando quel clima di retrocessione dei diritti per assicurare il futuro delle nostre figlie donne del domani: «Come azioni concrete sul territorio – afferma la Grasso –  ritengo sia fondamentale dare maggiore impulso ai cug con monitoraggi costanti sul personale attraverso processi conoscitivi anche anonimi somministrati per verificare lo stress correlato ed ogni situazione che possa interferire al benessere lavorativo intercettando disagi molestie, intervenire con proposte contrattuali idonee per rilanciare la partecipazione femminile nel mondo lavorativo; infine agire con azioni di tutela più incisiva nel caso di segnalazioni anonime whistleblowing con protezione dell’anonimato sul segnalante onde evitare ritorsioni e azioni idonee a rimuovere ogni situazione di discriminazione di ogni tipo affinché l’uguaglianza formale e sostanziale trovi applicazione concreta non solo sancita nella Costituzione Italiana».

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.