Ritroviamo Castelbellino: «Rotatoria svincolo SS76, progetto bocciato ma l’opera si deve fare» - Password Magazine

Festival Pergolesi

Ritroviamo Castelbellino: «Rotatoria svincolo SS76, progetto bocciato ma l’opera si deve fare»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

CASTELBELLINO- «Era proprio necessario rigettare completamente il progetto della rotatoria allo svincolo della SS76 di Castelbellino nell’area dell’ex Calamity Jeans?». E’ la domanda posta da Federica Carbonari, ex legale proprio del Comitato di Via Molino che si prodiga da anni per la messa in sicurezza dell’area spesso soggetta ad incidenti, nonché capogruppo in Consiglio comunale del gruppo di opposizione Ritroviamo Castelbellino.

«Dopo anni – spiega Carbonari – eravamo finalmente riusciti, tramite il confronto con Anas, a sviluppare un progetto preliminare per la messa in sicurezza dell’area. Questo progetto nel 2020 era stato inserito proprio da Anas all’interno del Piano delle Opere triennali del Ministero delle Infrastrutture ed erano stati stanziati i fondi per un ammontare di circa 660 mila euro.

L’anno successivo si era venuto a creare il progetto definitivo che, portato in Conferenza dei Servizi, è stato poi bocciato da Provincia e Comune».

Carbonari punta il dito contro l’inerzia in merito ad un progetto e ad una problematica così urgente.

«Che ci potessero essere delle falle all’interno del progetto lo aveva denunciato anche il Comitato, che pertanto ha chiesto la modifica dello stesso e quindi questo è un conto… rigettare completamente è altro. Posso capire che Comune e Provincia non vogliano rispettivamente adoperarsi per vari motivi nella realizzazione di un’opera che tuttavia si deve fare». 

La capogruppo di Ritroviamo Castelbellino chiede anche di sapere se ci sia un nuovo progetto che l’amministrazione ha deciso di intraprendere, considerato che «da una riunione svolta presso Anas alcune settimane fa è emerso che ancora un nuovo progetto non era in fase di esame».

«Di questo passo – chiosa la Carbonari – vista la Guerra in Ucraina e l’aumento dei prezzi, se non si farà questa rotatoria, già finanziata e che deve essere realizzata entro la fine dell’anno, si rischia di perdere di un’occasione e che l’opera non si faccia più per il corso dei prossimi anni».

Infine l’attacco all’Amministrazione comunale di Castelbellino: «Mi chiedo perché alla luce dei tanto sbandierati bandi vinti, non si faccia invece più attenzione all’applicazione di fondi già stanziati e su una tematica che concerne tutti noi, dal primo all’ultimo. Nei vari documenti che noi abbiamo non c’è nessuno spazio per l’area e la sua messa in sicurezza, non solo con la rotatoria, ma anche sotto il punto di vista dell’illuminazione, della segnaletica, della deterrenza.  Quello di questa strada non è un discorso di parte ma di civiltà e a noi interessa esclusivamente la realizzazione di un progetto che metta al sicuro la zona, di chiunque sia l’iniziativa».

Andrea Cesaroni
Il sindaco di Castelbellino Andrea Cesaroni

Non si fa attendere la replica del sindaco Andrea Cesaroni, rilasciata a Password:
«Non mi interessa perdere tempo con polemiche e strumentalizzazioni non costruttive. La vicenda vede il comune impegnato nel sollecitare provincia e Anas alla realizzazione della rotatoria molto importante per l’area.
Tuttavia la Provincia non ha comprensibilmente voluto assumersi la responsabilità di un progetto che non garantiva sicurezza ma anzi impediva fondamentalmente ai mezzi pesanti di potersi muovere.
Provincia e Anas stanno comunque lavorando ad una soluzione – conclude Cesaroni- , c’è un interlocuzione costante tra le parti, è stato nominato un tecnico che possa trovare una sintesi sulle varie necessità».

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.