Sanità Area Vasta 2 a terra: richiesta convocazione urgente in Regione

JESI – I recenti tagli ai servizi ed al personale nel Territorio dell’Area Vasta 2 (che comprende i territori di Fabriano, Jesi, Senigallia e Ancona) lasciano enormi perplessità su quello che sarà il futuro del Servizio Sanitario Pubblico. Il taglio del personale ammonta a 4,4 milioni di euro.

A mettere in luce queste criticità sono stati oggi, in sede di conferenza stampa alla sede locale della Croce Rossa Italiana, diversi esponenti: rappresentanti il TDM di Jesi (Tribunale del Malato), le rappresentanze sindacali del comparto, delle RSU e il Comitato di difesa dell’ospedale di Jesi.

Una situazione precaria e preoccupante quella del personale atto all’assistenza sanitaria pubblica, che è emersa solo ora nel periodo estivo, nel momento in cui si sarebbero dovuti programmare i turni di sostituzione, in vista delle ferie estive: ferie che sono state negate al personale, già costretto a dover affrontare turni estenuanti ogni giorno.

Un personale, come ha spiegato il Coordinatore del Tribunale del Malato Pasquale Liguori, che si trova a dover lavorare in Pronto Soccorso con pazienti che o soggiornano nei corridoi, o ancor peggio vengono dimessi ancor prima che sia stata effettuata una diagnosi. Un ufficio CUP (Centro Unico Prenotazioni) che conta pochi dipendenti, dato il ridimensionamento del personale, al servizio di numerosi utenti che restano per ore in attesa, ricevendo in risposta appuntamenti per visite fin troppo tardive. Per quanto riguarda l’ospedale Carlo Urbani di Jesi, la struttura oggi conta 45 posti letto in meno.

Criticità nelle attese e carenza del personale lasciano senza la giusta assistenza i pazienti, per non parlare poi di ulteriori carenze nei servizi psichiatrici, dei tagli per l’assistenza ai diversamente abili, come dichiarato dal Dottor Franco Iantosca del Comitato a Difesa dell’Ospedale.

Non solo, da una recente relazione della Corte dei Conti Regionali, ha spiegato Patrizia Ercoli del Sindacato Uil Fpl, è emerso che la spesa del personale riferito al 2018 riguarda non i titolati all’assistenza, bensì l’assunzione di personale dirigenziale amministrativo: “Con contratti che vengono rinnovati, se va bene, di quattro mesi in quattro mesi, come può non essere comprensibile la fuga del personale assistenziale? Vergognoso, si sta svendendo il servizio pubblico a favore del privato!” – ha dichiarato la Ercoli.

“Nel nostro territorio non è percepita nè tantomeno valorizzata la sicurezza e la sanità dei suoi dipendenti” – affermano i Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS) Valentino Tesei e Francesco Freddi.

Un quadro generale spaventoso, che nelle sue condizioni non è in grado di offrire allo stato attuale, e molto probabilmente almeno per tutto il 2019, nuove assunzioni, e che vede quindi un impoverimento di numerosi reparti.

La denuncia riportata dalle rappresentanze che sono oggi intervenute è contro un Governo Regionale che cerca sempre di più di demolire il sistema sanitario pubblico che, in quanto tale, dovrebbe essere garantito a tutti, a favore di servizi assistenziali privati. Da questa volontà di poter continuare a garantire un diritto alla salute, e piuttosto all’assistenza, è stata richiesta una convocazione urgente in Commissione Sanità della Regione Marche.

 

A cura di Giovanna Borrelli

1 Commento su Sanità Area Vasta 2 a terra: richiesta convocazione urgente in Regione

  1. Confermo tutto quanto letto nel precedente articolo.
    Dovevo sottopormi ad una risonanza lombare,tempo di attesa aprile 2020 .A pagamento dopo 10 giorni ,sempre nello stesso ospedale.
    Si può ricevereun simile trattamento?

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*