Libera Azione Jesi, domani sit-in di protesta davanti il Pronto Soccorso | | Password Magazine
Lulù  

Libera Azione Jesi, domani sit-in di protesta davanti il Pronto Soccorso

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI –  Libera Azione Jesi, lista civica che nasce dall’alleanza di centro destra tra Forza Italia e Democrazia Cristianaorganizza sabato prossimo un sit-in di protesta davanti al Pronto Soccorso, dalle ore 10.00 alle 12.00: il candidato sindaco Massimiliano Lucaboni invita i cittadini a partecipare. Queste le proposte avanzate: la realizzazione di due triage per evitare che  in pronto soccorso  come ora, si abbia una situazione che vede la presenza continua di file interminabili  di utenti costretti ad attendere ore e che, come accade ultimamente, potrebbero portare ad avere anche casi di  decessi; l’aumento immediato di personale infermieristico e medico e sistemazioni degli ambienti del Pronto Soccorso. “Per avere ciò bisogna avere  più peso in Regione – sono le dichiarazioni di Lucaboni –  Bisogna che  il consiglio comunale di Jesi, quello che uscirà dalla prossime amministrative,  la sua maggioranza, o anche opposizione  possa avere dei riferimenti chiari nel consiglio regionale eletto, altrimenti, come accade ora, Jesi rimarrà ai margini e il suo ospedale abbandonato a se stesso”.

IMMIGRAZIONE E SICUREZZA

Il programma di Libera Azione Jesi prevede anche proposte per affrontare il tema dell’immigrazione e sicurezza. Massimiliano Lucaboni: “Solo nel 2016 sono arrivati 181 mila extracomunitari, per quest’anno se ne prevedono almeno 200 mila. Nelle Marche si contano sulle 4800 presenze di cui solo il 12% è seguito da programmi di inserimento sociale, il resto dipende dalle Prefetture e quindi dai Prefetti viene deciso dove collocarli – scrive in una nota stampa – Torno a sottolineare con fermezza il nostro NO a nuovi arrivi nel nostro Comune e invitiamo il sindaco Bacci ad non ottemperare ad altre richieste da parte di chicchessia. Non c’è condominio in città che non vede la presenza di famiglie e nuclei di sedicenti profughi. Ci sono quartieri ormai dove la presenza di stranieri supera quella dei residenti. Questo ha visto il crollo del valore delle case e il crollo degli affitti e tutto questo nonostante le tasse comunali a cominciare dalla Tari non sono calate anzi, come nel caso citato, raddoppiate”.

Considerazioni anche sul tema della sicurezza: “Da tempo sto portando avanti una battaglia sulla sicurezza e per il momento l’unica risposta venuta dall’Amministrazione è stata quella del posizionamento di altre telecamere in città, collegate solo ed esclusivamente al comando della Polizia municipale dove, come ,ben sapete e nonostante le mie richieste, non sono previsti turni di guardia e controllo da parte degli stessi – dichiara Lucaboni – Ora come è possibile che le immagini di queste stesse telecamere non siano visibili anche a carabinieri e polizia? Come possono le pattuglie delle medesime forze  dell’ordine, anche quando potessero, intervenire in loco se nessuno in diretta vede quello che accade nei diversi quartieri della città? In questo modo si può intervenire solo a posteriori e cioè a danno fatto. Invece se le telecamere fossero collegate con la sede operativa delle forze di sicurezza  le stesse forze dell’ordine potrebbero immediatamente intervenire su segnalazione del comando”.

 

Banner-Montecappone
Montecappone

1 Commento su Libera Azione Jesi, domani sit-in di protesta davanti il Pronto Soccorso

  1. Sul pronto soccorso invece l’M5S a Jesi fa qualcosa o continua per altri 3 mesi a raccogliere le firme per il corso con una consigliera regionale in commissione sanità?

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.