Acquaroli: «Se confermato il dato in calo, anticipiamo rientro a scuola» | Password Magazine

Acquaroli: «Se confermato il dato in calo, anticipiamo rientro a scuola»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

REGIONE – Marche arancioni dalla prossima mezzanotte, quando scatterà il provvedimento del ministro Speranza.
Il governatore della Regione Marche Francesco Acquaroli, in una diretta Facebook, ha voluto esprimere la sua perplessità legata al recente provvedimento del governo che abbassa la soglia dell’indice Rt, passata da 1,25 a 1 per l’accesso in fascia arancione e da 1,50 a 1,25 per entrare in rossa. «Inoltre, con il nuovo Dpcm, c’è stato un ulteriore irrigidimento dei criteri che non si basa solo sul rt ma che tiene anche in considerazione di altri fattori che determinano il rischio della regione». Acquaroli esprime la sua perplessità: «La nostra regione ha un indice Rt da oltre un mese e mezzo sotto a 1, con una recrudescenza nella prima settimana dell’anno, con successiva diminuzione dei casi sintomatici e asintomatici. Dunque se subito dopo Natale la pandemia aveva un po’ rialzato i numeri ora il dato sembra essere tornato quelli che conoscevamo prima delle Festività».  Il presidente riconosce che c’è stato un aumento dei numeri dei ricoverati e degli occupanti delle terapie intensive ma «a fronte di questo dato che determina poi il livello del rischio c’è poi l’andamento della curva che per come la conosciamo in questo periodo sta rallentando».

Di qui la richiesta avanzata al Governo di tenere conto della salute dei cittadini ma anche degli effetti della pandemia sulla crisi economica e sulla tenuta sociale: «Non vogliamo creare tensioni con chi governa la nazione ma cercare di rappresentare la realtà come è attualmente e che delinea nella nostra regione un miglioramento – fa sapere Acquaroli -Voglio anche aggiungere  che abbiamo preso la decisione di posticipare l’apertura della scuola proprio nei giorni cui raggiungevamo i 700 casi positivi giornalieri. Un dato che ci ha fatto ritenere di dover posticipare le scuole. Il problema è che non sapevamo che effetti avrebbe sortito questa messa in movimento di un elevato numero di persone. Ora se l’andamento della curva e dei numeri di questa settimana sarà confermato potremmo pensare a un provvedimento che possa anticipare il rientro a scuola».

E aggiunge: «Continuiamo a segnalare all’esecutivo le criticità davanti ai continui cambi di Dpcm e di criteri che costringono le attività alle chiusure. C’è bisogno di ristori e di un sostegno reale a questa situazione difficile. Questo appello non vuole essere un atto di superficialità ma un’assunzione di responsabilità davanti ai lavoratori autonomi, alle partite ive, ai gestori di bar e professionisti che vedono interrotta la propria vita lavorativa da oramai troppe settimane. La nostra preoccupazione è fondata su proteste che quotidianamente ci arrivano dalle categorie. Provvederemo a convocare una riunione con i parlamentari marchigiani affinché si facciano portavoce delle criticità della popolazione».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.