«All'aeroporto in troppi per fare il tampone: così si rischia». | Password Magazine

«All’aeroporto in troppi per fare il tampone: così si rischia».

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

FALCONARA MARITTIMA – «File e assembramenti per accedere ai tamponi rapidi all’Aereoporto delle Marche». Sono in allarme alcuni addetti ai servizi che operano negli spazi, a una settimana dall’entrata in funzione dell’attività di screening con tamponi rapidi ad antigene, servizio voluto dalla Società AerDorica e gestito dal Polo Diagnostico del Gruppo KOS, attraverso i servizi della rete dei laboratori della casa privata di cura Villa dei Pini. 

Il presidio sanitario, a pagamento, era in origine destinato ai passeggeri che giungevano al Terminal degli Arrivi, i quali, come previsto dalle norme vigenti, sono obbligati al tampone.
Aerdorica ha però deciso di estendere questo servizio anche ad accompagnatori ed utenti esterni, in modo da offrire al territorio un ulteriore punto di screening veloce della popolazione. 

357D7B5B-026C-4CCF-9025-518CC3458C2E

C’è preoccupazione però da parte però degli operatori delle società di servizi che lavorano nell’area: «Disponibile dal lunedì al sabato, la promozione dell’accessibilità del servizio ha comportato una commistione di persone – dicono -. Ogni giorno la situazione peggiora: il rischio non è solo biologico, in quanto consente il propagarsi del virus, ma piuttosto che la prevenzione da possibili contagi sembra oltretutto che la gestione delle affluenze non esista». Gli addetti lamentano: «Tra passeggeri che scendono dai voli di e gente che viene da fuori per fare il tampone in forma privata, la distanza sociale spesso non viene rispettata, creando così assembramenti pericolosi. I rischi aumentano soprattutto in concomitanza di più voli, come spesso capita nel fine settimana con i voli di Londra e Bruxelles. La possibilità di contagiare inoltre il personale si fa sempre più vicina e vorremmo prevenire una situazione più disastrosa di quella che già si sta presentando. Ci rivolgeremo all’Enac, l’Ente Nazionale di Aviazione Civile, al fine di trovare una situazione più sicura ed efficace per tutti».

A cura di Giovanna Borrelli

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.