Aveva la malattia di Lorenzo, oggi è mamma e in salute: «Ho pregato per lui fino alla fine»

CASTELBELLINO – Non ce l’ha fatta Lorenzo Farinelli, il giovane medico di 34 anni che con la sua storia aveva commosso il web. La malattia, purtroppo, non gli ha lasciato scampo. Ma per una vita che ne finisce, ce n’è un’altra che riparte. Proprio dal punto dove Lorenzo non era riuscito ad arrivare. A parlare è Nicoletta Cacciamani, 40 anni, di Pianello Vallesina, nel Comune di Castelbellino. Oggi è una mamma solare e un’impiegata dedita al lavoro ma in passato ha conosciuto la stessa sofferenza del giovane anconetano: «Sono sopravvissuta al linfoma non-Hodgkin di tipo B, lo stesso che aveva Lorenzo – racconta Nicoletta – Un male terribile quanto raro, che colpisce 1 persona ogni 300 mila, soprattutto over 65enni».

Il messaggio di Lorenzo, diffuso sul web, aveva fatto riaffiorare nella donna le sensazioni provate durante il periodo di malattia. Così lo aveva cercato su Facebook, aveva fatto la donazione, gli aveva mandato un messaggio per infondergli speranza e lui aveva risposto.  Questo, una settimana prima della morte. «Gli ho raccontato che quando avevo 25 anni il tumore aveva intaccato il mio stomaco, per cui mi sottoposi a un delicato intervento. Ho impiegato cinque anni per debellare del tutto la malattia – ricorda Nicoletta – A 27 anni, dopo due anni dall’operazione, il male era tornato: da Torrette, i miei genitori mi hanno accompagnata a Perugia per sottopormi a un protocollo europeo sperimentale. In pratica, un mix di chemioterapia e flebo di anticorpi. I medici dissero: “Se la cura non funziona, non possiamo fare altro”». Ma Nicoletta ce l’ha fatta: «Le cure su di me hanno funzionato. Sono stata fortunata. Ricordo ancora che, in quei momenti, pensavo solo a venirne fuori il prima possibile e a ricominciare da capo». Oggi Nicoletta è guarita ed è mamma di due bambini di 9 e di 7 anni, per lei un dono prezioso: «Nonostante il delicato intervento cui mi ero sottoposta e nonostante i medici non sapessero se per me fosse possibile affrontare una gravidanza, è andato tutto per il meglio e, un anno dopo la guarigione, è arrivata la mia bambina». La vicenda di Lorenzo ha risvegliato in lei la sofferenza passata: «Quando ho visto il video, ho sentito la sua storia un po’ anche la mia e ho pensato subito di mettermi in contatto con lui. Gli ho detto di non mollare, che capivo cosa stesse passando perché quell’inferno io lo avevo attraversato. Solo poche parole, non serviva altro». Un messaggio di speranza cui Lorenzo aveva risposto: «Io prego, spero, combatto. Ma è davvero durissima. Stringo i denti». Poi più nulla, fino alla tragica notizia: Lorenzo non c’è più. «Ho pregato e sperato per lui, fino all’ultimo. E io sono stata davvero fortunata, non posso dire altro». Stessa malattia, un destino diverso. «Riposa in pace grande guerriero».

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.