Carlo Urbani, la parola ai primari: «Grandi potenzialità frenate da carenze di personale».

JESI –  Carlo Urbani, la mancanza di personale blocca lo sviluppo dei reparti. Lo sostengono i  primari di alcune unità operative, invitate lunedì in Consiglio comunale: ai microfoni dell’aula consiliare hanno parlato Mario Caroli, da sei mesi alla guida del Pronto soccorso, Francesco Bartelli, medico dirigente di Radiologia, Gianluca Grechi e Antonella Bonucci, rispettivamente a capo di Ginecologica e Pediatria.  «Quotidianamente – affermano i medici – si affronta il problema della mancanza di risorse ma con spirito di sacrificio e accumulo di ore di lavoro cerchiamo di dare risposta ai bisogni dell’Area Vasta 2».

Un ospedale dunque dalla grandi potenzialità ma frenate per carenza di personale: «In Radiologia, non possiamo utilizzare adeguatamente le apparecchiature acquistate per mancanza personale medico e tecnico: un vero peccato per la popolazione – spiega il dott. Bartelli –  Il numero di medici attualmente in corsia non consente neanche di disporre di una guardia medica radiologica, con tecnici in servizio H24».

Tra i reparti maggiormente oberati, anche le unità di Ginecologia e Pediatria come conseguenza di un aumento delle nascite: «Ci sono più bambini che nascono e l’impegno richiesto in corsia è aumentato, sia in senso numerico che per necessità di interventi – ha detto la dott.ssa Bonucci -. Siamo in sofferenza in termini di organico». A Jesi le nascite hanno subito infatti un incremento del 15%, rispetto a quella che è la tendenza nazionale: lo sostiene il primario di Ginecologia dott. Grechi che ha intenzione di trasformare il reparto «in un’eccellenza».

Per quanto riguarda il Pronto soccorso, il dott. Mario Caroli, dirigente da sei mesi, invita l’Amministrazione comunale a intraprendere campagne di sensibilizzazione sulla prevenzione: «Occorre l’impegno di tutti per far fronte all’emergenza – dichiara -. Abbiamo trasformato il letti d’osservazione in posti per la medicina d’urgenza e introdotto percorsi veloci con i fast track anche in ambito pediatrico». Ovviamente, tutto questo funziona se c’è un accesso appropriato al Pronto soccorso da parte degli utenti, continua Caroli: «Al Pronto soccorso, mancano 3 unità che sto cercando di tamponare con le prestazioni aggiuntive, permettendo così anche al mio personale di andare in ferie. Ma la mancanza di medici riguarda anche le tre Potes, il sistema d’emergenza territoriale, di Jesi – Filottrano – Cingoli che è sotto di ben 5 unità. Calano i medici ma anche gli autisti delle ambulanze del 118, gli infermieri, gli oss».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*