Che cosa sono i Centri Primula | Password Magazine

Che cosa sono i Centri Primula

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

Nonostante nelle ultime settimane le notizie sui vaccini abbiano confermato una flessione nelle quantità e nei tempi delle consegne, il Governo italiano ha già pronto un piano per la vaccinazione di massa. Si basa su quelli che vengono chiamati Centri Primula, e sono delle strutture che, progressivamente, verranno installate in tutta Italia e in cui verranno effettuati vaccini alla popolazione. Secondo quanto riporta Il Post, nel piano di Domenico Arcuri – Commissario straordinario per la gestione del COVID-19 – è prevista, all’interno delle strutture, la vaccinazione contemporanea di un massimo di sei persone. Il logo, il design e la forma delle strutture sono state disegnate da Stefano Boeri, archistar italiano che, però, a causa di alcuni punti controversi nella realizzazione dei Centri, sta ricevendo diverse critiche.

«L’Italia rinasce con un fiore. Vaccinazione anti-Covid 19» è lo slogan che Boeri e Arcuri hanno annunciato nella conferenza stampa di presentazione dei Centri Primula, il 13 dicembre scorso.

Costi e Logistica. Il piano del Governo è di realizzare 1200 Centri Primula in tutta Italia, con una spesa per ciascuna struttura di 409 mila euro (1300 euro per metro quadro). Il totale della spesa sarebbe di 8,6 milioni di euro per i primi 21 padiglioni in programma, mentre per il totale, si arriverebbe a 500 milioni. Il Governo ha già stanziato dei fondi per la costruzione delle strutture, ma ha offerto ai cittadini la possibilità di assistere l’operazione con delle donazioni a cui, in base alla cifra corrisposta, spetterà – si – un ringraziamento. Se la cifra sarà superiore o pari ai 400 euro, si riceverà una lettera ringraziamento personale di Domenico Arcuri; se il donatore dovesse arrivare a più di 400mila euro, è prevista l’esposizione – dentro il centro primula – di una targa (di 50 centimetri).

La realizzazione verrà affidata – tramite appalto pubblico – ad aziende private.

Il bando per la realizzazione era stato presentato il 20 gennaio e si sarebbe dovuto chiudere il 27, ma la scadenza è stata posticipata al 3 febbraio. Da lì, chi avrà vinto l’appalto avrà 30 giorni di tempo – Il Post specifica però che la tempistica è stata allungata fino a 45 giorni – per realizzare le prime 21 strutture (una per regione, più una per la Provincia Autonoma di Bolzano) e, tra l’altro, dovrà anche occuparsi della loro manutenzione (con interventi sulla struttura entro un tempo limite di mezzora). Quindi riepilogando: in poco più di un mese l’azienda che ha vinto l’appalto dovrà realizzare 21 strutture in tutta Italia della stessa forma e dimensione, curare eventuali incidenti e, soprattutto, farlo a spese proprie.

centro primula
www.stefanoboeriarchitetti.net

Critiche. Sono nate molte perplessità intorno al progetto dei Centri Primule. Come riporta IlGiornale.it in una sua esclusiva, il Governo avrebbe rifiutato le proposte di molti addetti ai lavori del settore dei grandi eventi – in particolare, la FEU (Fliera degli Eventi Unita) -, che avrebbero offerto alle istituzioni i propri spazi per le vaccinazioni di massa (strutture standard mobili) e personale tecnico qualificato – con un costo, si legge nelle dichiarazioni dell’articolo, del 70% in meno -, senza però essere ascoltati dal commissario Arcuri. Mentre, da Facebook, arriva l’accusa più pungente: quella di natura tecnico-logistica. Viene da Carlo Quintelli, professore di Ingegneria all’Università di Parma, che tramite un post sul suo profilo Facebook ha sottolineato alcune perplessità tanto su questioni tecniche quanto sulla fluidità della vaccinazione nelle Primule – che si, fa molto strano chiamarle in questo modo.

Secondo Quintelli, in poche parole, ci sarebbe poco spazio per troppe persone dentro i Centri, per altro con dimensioni ridotte sia in estensione che in altezza. Anche i servizi sanitari e la collocazione delle aree interne (reception, punto vaccinazione, corridoi, sala “per reazioni avverse” – uno spazio in cui, dopo la dose, i vaccinati sosteranno per 15 minuti prima di uscire) sono al centro di polemiche. E anche il processo di vaccinazione sarebbe sotto accusa. Così scrive Quintelli nel post:

«Diciamo pure 12 minuti per sei postazioni: in tre mesi, senza mancare un turno e con efficienza tayloristica si vaccinano 27mila persone, un piccolo centro da 30mila abitanti, spendendo “solo” 10 volte tanto rispetto a un punto vaccini di analoga portata nella sala civica, in quella parrocchiale, nella palestra, sotto la tenda degli alpini».

centro primula

Stefano Boeri ha argomentato che il suo contributo (gratuito) per la realizzazione dei Centri Primula ha riguardato – come si legge nella sua nota pubblicata sul sito Artribune – solo gli aspetti più estetici del progetto: «Una proposta che comprende un’ipotesi per il logo della campagna di vaccinazione anti Covid19, un progetto di massima per padiglioni temporanei pensati per essere facilmente smontabili e riutilizzabili in prossime situazioni di emergenza e un progetto di massima per allestire con le attrezzature per la vaccinazione gli interni e gli spazi messi a disposizione dalle regioni».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.