Dalla Regione Marche, nuovi servizi digitali in tempo di emergenza | Password Magazine

Dalla Regione Marche, nuovi servizi digitali in tempo di emergenza

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

ANCONA – Dalla Regione Marche nuovi servizi digitali per  pubbliche amministrazioni, imprese e cittadini.

Sono 630 applicativi software e 65 tra sistemi informativi, innovazioni digitali e progetti condivisi che animano le strategie e le azioni dell’Agenda digitale delle Marche, per far fronte alle emergenze in atto, a partire dal Covid e dalla ricostruzione post terremoto. In particolare, il progetto DigiPalm (Digitalizzazione delle pubbliche amministrazioni locali delle Marche) scaturisce dalla volontà della Regione di favorire la trasformazione digitale dei Comuni del territorio per diffondere l’utilizzo dei sistemi nazionali PagoPa, Spid e appIO.

«La Regione Marche ha un’idea precisa di sviluppo digitale e di infrastrutturazione tecnologica per rilanciare il territorio, a partire dalle aree interne più svantaggiate – ha detto Acquaroli – La connessione deve diventare uno strumento corrente della pubblica amministrazione, delle strutture sanitarie e delle imprese.  Investiamo sulle tecnologie capaci di offrire servizi aggiuntivi e migliori per portare la nostra regione al passo con i tempi».

Per il vice Mirco Carloni, assessore alla Digitalizzazione, si tratta di «un grande passo in avanti dal punto di vista del progresso tecnologico – spiega – L’ex ministro dell’Innovazione tecnologica Paola Pisano ci ha ascoltato e creduto in un progetto sperimentale di nuovi servizi per la pubblica amministrazione, che determinerà una semplificazione e la digitalizzazione delle certificazioni prima solo cartacee».

I Comuni che hanno voluto aderire al progetto della Regione, su base volontaria (circa 187), potranno attivare servizi ai cittadini altamente innovativi. Il progetto DigiPalm fa leva sul ruolo di intermediario tecnologico della Regione e sulle dotazioni informatiche esistenti: a partire dai datacenter, dalle piattaforme per i pagamenti elettronici, l’autenticazione dell’identità digitale forte e l’erogazione dei servizi di eGovernment con notifiche applicative. Sono già 171 i Comuni o Unioni di Comuni aderenti all’accordo regionale: 16 di essi utilizzano la Regione anche come intermediario tecnologico.

Ad illustrare nel dettaglio i nuovi servizi digitali messi in campo, la dirigente Serenella Carota e Andrea Sergiacomi della PF Informatica e crescita digitale: «I datacenter regionali sono autorizzati a erogare servizi per tutta una serie di soggetti, dagli enti locali alle imprese fino ai cittadini – spiega la dirigente Carota -. Il polo strategico regionale è costituito da una serie di queste infrastrutture, due i principali datacenter che erogano servizi in cloud e si trovano ad Ancona. Uno è in via Sanzio ed è a servizio della Sanità reginale mentre per le Pubbliche Amministrazioni è attivo quello in via Tiziano».

L’anno 2021 sarà l’anno dello switch off del digitale, in cui «definitivamente tutta una serie di credenziali e di vecchi sistemi di pagamento dovranno andare in pensione, una prima scadenza era fissata per il 28 febbraio e l’altra sarà il 31 ottobre. Cercheremo di compiere questa transizione al digitale attraverso anche una comunicazione ai comuni e ai cittadini».

Per Sergiacomi «i servizi degli enti locali che portiamo in dote e che facciamo evolvere attraverso questi sistemi sono quelli tipicamente di pagamento – spiega-. Abbiamo approfittato delle tecnologie disponibili per creare anche altri servizi. Attraverso l’app IO, ad esempio, può essere seguito lo stato di avanzamento delle pratiche di ricostruzione da parte degli utenti dell’Ufficio speciale di ricostruzione».

Nel corso della conferenza stampa sono state illustrate le potenzialità delle varie applicazioni attivate dalla Regione per avvicinare la pubblica amministrazioni ai cittadini. MeetPad, usato per la pianificazione e conduzione di incontri (meeting) e dei processi di lavoro collaborativo tra soggetti della PA, in forma interamente digitale;  pagamenti elettronici, fascicolo sanitario a portata di click, accesso on line ai risultati dei tamponi, condivisione dei dati dell’emergenza Covid, in tempo reale, dal sito e con aggiornamento giornaliero dal canale Telegram regionale, accesso virtuale ai beni culturali di biblioteche e musei, dematerializzazione, conservazione e condivisione di dati e documenti, Wi-Fi gratuito nelle spiagge e nelle piazze, comunicazione istituzionale multicanalizzata. Una articolata presentazione dei servizi digitali messi in campo o potenziati dalla Regione Marche, rivolti a enti locali, cittadini e imprese in questo lungo periodo di emergenze, caratterizzato dalla necessità di velocizzare la ricostruzione post sisma, contrastare la pandemia da Coronavirus, riorganizzare il lavoro in modalità remota e connessa (smart working).

Importante la testimonianza di Mauro Cecchi, il dirigente Sistemi informatici del Comune di San Benedetto del Tronto che ha parlato di «Regione Marche come sistema unico e di aggregazione senza il quale tanti piccoli comuni del nostro territorio non avrebbero potuto accedere facilmente all’innovazione, raggiungendo obiettivi importanti e in un’ottica di economia di scala».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.