Museo Federico II, la Regione ci crede: in arrivo altri duecento mila euro | | Password Magazine

Museo Federico II, la Regione ci crede: in arrivo altri duecento mila euro

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

 

JESI – Il progetto di realizzazione a Jesi di un museo multimediale dedicato a Federico II di Svevia potrà contare per quest’anno su un finanziamento di duecentomila euro da parte della Regione Marche, grazie ad un’azione collegata ai fondi europei del Por Fesr, nell’ambito di valorizzazione e di messa in rete dei musei marchigiani. Ad annunciarlo è il consigliere regionale PD, Enzo Giancarli, dopo la risposta alla sua interrogazione fornita dall’assessore regionale alla Cultura e al Turismo, Moreno Pieroni, nell’ultima seduta dell’Assemblea legislativa.
“Mi fa piacere e non sono sorpreso che l’assessore abbia colto il valore di questo progetto e della grande figura di Federico II, nato a Jesi nel 1194 e a a cui tutte le Marche sono storicamente legate – dice soddisfatto Giancarli –. Dopo il contributo di centomila euro avuto nel 2015, i duecentomila euro che la Regione inserirà nel bilancio di previsione 2016 è fondamentale per raggiungere l’obiettivo di un museo multimediale dedicato al famoso imperatore”.
Il progetto, presentato dalla Fondazione Federico II Stupor Mundi, a cui partecipano finanziariamente anche Comune di Jesi, Regione Marche e Fondazione Marche, è – come ricorda Giancarli nella sua interrogazione – in fase di avanzata esecuzione.
“La creazione di questo museo – evidenzia il consigliere – ha attivato anche un circolo virtuoso di promozione non solo dello stesso, ma della città di Jesi che lo ospita e dell’intero territorio marchigiano: la Fondazione Pergolesi Spontini ha incardinato l’edizione 2016 del proprio Festival proprio sull’albero genealogico di Federico II, con tanto di campagna nazionale con protagonisti quattro celebri jesini doc: Elisa Di Francisca, Roberto Mancini, Giovanna Trillini e Valentina Vezzali”.
“Federico II – conclude Giancarli – è da tutti riconosciuto come un genio diviso tra tanti Paesi, tante culture, rivolto alla costruzione e alla comprensione dell’universale. Un personaggio unico nella storia d’Occidente: il suo sogno di dominio universale non era basato solo sulla forza, ma anche sul dialogo tra mondi differenti e sulla capacità di accogliere civiltà, storie, lingue, culture. Ed è questa la grande attualità della figura di Federico II, quella che il museo si propone di valorizzare”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.