Discarica, M5S Maiolati: "Il significato di riconversione" | Password Magazine

Discarica, M5S Maiolati: “Il significato di riconversione”

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

MAIOLATI SPONTINI – Di seguito pubblichiamo il comunicato stampa del M5S Maiolati:

“Il 29 maggio 2017 si è svolto il Consiglio Comunale a Maiolati Spontini. Nelle discussioni intercorse nei pochi punti all’ordine del giorno, inevitabilmente si è parlato della discarica “La Cornacchia” e delle ipotesi di riconversione della stessa.

Ad un certo punto, alcuni esponenti della maggioranza hanno affermato che per loro “riconversione significa anche variante (ampliamento) o minivasca”, additando noi della minoranza come dei qualunquisti che “non hanno in mente alcuna idea di riconversione, con l’unico obiettivo di distruggere il Comune di Maiolati”.

Sentire queste parole da chi per quasi 15 anni se ne è completamente fregato dell’aspetto “riconversione” è quasi paradossale e non ci si può nascondere dietro la frase “pensavamo di pensarci durante gli anni che sarebbero trascorsi con l’ampliamento ormai bocciato”. Questa scusa non regge neanche nel migliore mondo dei sogni. Le idee si mettono in campo fin da subito: prima con gli indirizzi, poi con i progetti, e infine, quando giunge il momento, con la realizzazione. Non si possono far passare 15 anni per “grattarsi” e altri 15 per “pensare” (?!), perché un tale modo di fare fa supporre e presagisce che vi vedremo grattare per altri 15 anni, per concludere il tutto con lo stesso film attuale.

Il M5S non intende collaborare o tanto meno barattare le proprie idee con chi ancora pensa che il significato di riconversione passi per varianti (ampliamenti) o minivasche. Tuttavia, per silenziare definitivamente le illazioni della maggioranza piddina e non, ribadiamo per l’ennesima volta ed illustriamo gli indirizzi del M5S per quello che è il “nostro significato di riconversione”, che si incentra essenzialmente su due punti:

  1. Fusione in un’unica società tra CIS e Sogenus;
  2. Gestione commerciale dei materiali recuperati dalla raccolta differenziata da parte del “Nuovo CIS”, consegna diretta al CONAI della raccolta differenziata raccolta nei 12 Comuni e ricevimento corrispettivi.

La riconversione (e quindi la fine della vita della discarica) non implica l’insorgere dei problemi occupazionali per i lavoratori. La soluzione sta (ed è sempre stata) nel buon senso e nelle corrette politiche di gestione virtuosa del ciclo dei rifiuti, volte alla lavorazione, valorizzazione e commercializzazione dei prodotti derivanti dal processo di raccolta differenziata (attività attualmente in mano ai privati).

Le risorse pubbliche, finora previste per progettare e fare nuove buche, dovranno essere indirizzate all’impiantistica atta a valorizzare i rifiuti riciclati dai cittadini, andando secondo le disposizioni di legge verso una più completa gestione pubblica del “recupero”. Questo, con il potenziamento dei Centri Ambiente e tramite una massiccia campagna educativa volta a migliorare le percentuali di raccolta differenziata finora per niente eccelse, in una gestione anche commerciale dei materiali valorizzati, è l’obbiettivo politico-pubblico da perseguire per garantire occupazione e sviluppo.

Il sito della discarica è già provvisto di importanti infrastrutture che, se integrate da idonei impianti, potranno svolgere questo servizio per tutti i 12 Comuni del CIS, allargato al Comune di Jesi o anche altri Comuni confinanti, diventando parte integrante della gestione unica provinciale che l’ATA sta predisponendo.

Questa nuova attività che il “Nuovo CIS” dovrà svolgere non porterà ricavi paragonabili all’attività di interramento dei rifiuti speciali e pericolosi, ma insieme alla salvaguardia dell’ambiente e della salute pubblica, affronterà il problema dell’occupazione interna a Sogenus a seguito della chiusura della discarica.

Questa progettualità, inoltre, va ricondotta all’interno del processo di razionalizzazione delle società partecipate previsto dalle leggi vigenti: non ha alcun senso, essendo antieconomico, oltre che contrastante con gli indirizzi di legge, lasciare sul territorio entrambi le aziende pubbliche CIS e Sogenus, mentre un’unica società pubblica in Vallesina per la gestione dei servizi pubblici in house providing potrà ottimizzare le funzioni per avere diverse voci di risparmio sul costo degli stessi: una sola società nella gestione del personale, un’unica attività amministrativa e contabile, ecc.,  con ottimizzazione del personale impiegato nei vari servizi e con l’ampliamento delle competenze, in una progettualità di sviluppo e di risparmio economico; un’unica azienda volta a gestire qualità, sicurezza e ambiente, con maggiori garanzie derivanti dall’unità societaria.

La politica dell’interramento dei rifiuti a tutti i costi è finita, lo dice anche l’Europa, ed il ciclo virtuoso che si aprirà con la “riconversione”, nel suo significato vero, come sopra accennato, è l’unica strada per garantire il futuro al nostro territorio, salvaguardando l’occupazione.

Chi vuole fortemente una cosa, agisce di conseguenza. Questo è il motivo per cui non crediamo ad un vero impegno di riconversione da parte della maggioranza di centrosinistra di Maiolati, specialmente se si parte sempre da ampliamenti e varianti”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.