Ex Filanda Girolimini, l'allarme dei residenti: «Quartiere discarica, urgono interventi» | | Password Magazine

Ex Filanda Girolimini, l’allarme dei residenti: «Quartiere discarica, urgono interventi»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Assemblea questa mattina presso il centro sociale “Stronati” indetta dai residenti della zona Via Roma – Via Asiago con il consigliere comunale del PD Lorenzo Fiordelmondo per discutere in termini di sicurezza per la zona dell’area dell’ex “Filanda Girolimini” e del tratto del parco del Vallato con essa confinante.

Al centro il Consigliere comunale del PD Jesi Lorenzo Fiordelmondo

«Ringrazio prima di tutti le persone che partecipano, a testimonianza che la questione è sentita e seria. Qui non c’è un comitato, sono tutti residenti della zona preoccupati per delle problematiche che oggi sono rimaste irrisolte». Così Fiordelmondo interviene in qualità di consigliere comunale, perché quella indetta è stata un’assemblea popolare a tutti gli effetti, e dunque nelle mani di chi in quelle zone ci risiede. Il consigliere si è già fatto carico attraverso le due mozioni presentate in Consiglio comunale di portare all’attenzione di chi governa la città le varie problematiche che non interessano soltanto il quartiere ma la città in generale.

«I problemi sono parecchi, ma principalmente sono due: la salute pubblica e la sicurezza – spiega Maria Luisa Lazzari residente in zona – e di queste cose ne è il garante il Sindaco. Gli abbiamo scritto due volte per questi problemi, soprattutto per la problematica riguardante l’amianto. Hanno fatto dei sopralluoghi, ma non ne conosciamo l’esito. Sappiamo soltanto che noi residenti tutti i giorni vediamo il degrado dei tetti e dell’area in generale».

Come Maria Luisa, che è in cerca di concrete soluzioni, anche tutti i residenti presenti all’assemblea partecipano attivamente chiedendo delle risposte al consigliere presente.

«Quella dell’ex Filanda è una zona che si può definire discarica» commentano alcuni presenti all’assemblea: immondizia, ratti e senzatetto sono all’ordine del giorno. È un’area che si trova nel pieno centro della città e che purtroppo, anche il solo passarci, può mettere a repentaglio l’incolumità di chi lì ci abita: rappresenta una situazione di incuria e pericolo.

Le questioni dell’ex Filanda Girolimini hanno a che fare con un’area a tutti gli effetti privata e ciò che è stato chiesto all’Amministrazione comunale è semplice: emettere un’ordinanza nella quale ordinare (la parola stessa lo suggerisce) al proprietario dell’immobile di mettere in atto alcuni comportamenti che possano circoscrivere quel tipo di pericolo e regolamentare in modo più serio quella situazione.

L’altra faccia del problema inerisce invece ad una parte pubblica, per la quale si è resa necessaria un’altra mozione. Si tratta di quella parte del Parco del Vallato che confina con una porzione dell’ex Filanda. Qui i problemi sono relativi in primis al Piedibus, un problema quindi di fruibilità di quel cammino poiché vi sono avvallamenti che impediscono di camminarci nei momenti di pioggia e durante i giorni seguenti; e per di più, il parco che si trova proprio al lato del percorso destinato al Piedibus ha bisogno di ingenti interventi di manutenzione. In aggiunta a questi problemi, vi è un accesso diretto dal parco all’ex Filanda rappresentato da un vecchio tornello, che permette ai tanti ragazzi incuriositi dall’area, di entrare indisturbati, sottoponendosi dunque a pericoli imminenti.

La notte passata è stata dominata dal vento e dalla pioggia ed una residente segnala di aver visto dalla sua finestra staccarsi una lastra di tetto coperta di amianto: «La situazione sta decisamente sfuggendo di mano», commenta la residente.

Il deposito di amianto che è presente nell’area rappresenta uno dei pericoli maggiori: «Quello che si sta cercando di fare qui è lanciare un allarme, perché aree in disuso come questa dell’ex filanda in città ce ne sono parecchie  – spiega il Consigliere comunale Crediamo che una delle misure che dovrebbe avere l’Amministrazione comunale è quella di regolamentare queste zone e risolvere questi problemi».

Per l’ex Filanda c’è un progetto di recupero, ma per l’eseguibilità si ha tempo 10 anni.

«Per il recupero non si possono attendere tutti questi anni – dicono dall’assemblea soprattutto per la messa in sicurezza dell’area.  A fianco delle aree in questione ci sono una scuola elementare, una palestra e un campo sportivo. Quando l’amianto si sfalda le sostanze con l’aria volano: con le condizioni climatiche di questi giorni, chissà dove possono essere arrivate ora».

«Chiediamo semplicemente all’Amministrazione comunale di risolvere la situazione con gli strumenti che ha a disposizione – commenta un altro residente Giacomo Ceccarelli – la sera è pieno di persone che lì vanno per dormire e per ripararsi dal freddo e sono fisse. Ha già preso fuoco una volta e non vogliamo che riaccada».

I residenti vedono mutande appese e tetti di amianto prendere il volo a causa del vento. Si chiede la messa in sicurezza dell’amianto, dunque un’ordinanza esecutiva al proprietario, o perlomeno la chiusura del primo piano con del cemento come è stato fatto per l’ex ospedale. Un appello dei residenti che dovrebbe arrivare dritto dritto alle orecchie del sindaco.

Il consigliere Fiordelmondo ne parlerà al prossimo Consiglio comunale previsto per il 18 dicembre per cercare soluzioni da parte dell’Amministrazione comunale. La cittadinanza interessata potrà partecipare.

A cura di Margherita Piersantelli

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.