Giampaoletti replica a Lucaboni: "Sul mercato, riflettere prima di parlare" | | Password Magazine

Giampaoletti replica a Lucaboni: “Sul mercato, riflettere prima di parlare”

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Il consigliere delegato Marco Giampaoletti del Movimento Politico Insieme Civico replica alle accuse mosse nei suoi confronti sulla questione del mercato sollevata dal candidato sindaco Massimiliano Lucaboni: “Ho appreso che il candidato Sindaco Massimiliano Lucaboni si è recato sabato al mercato   parlando con gli ambulanti per sapere le problematiche e lamentele, criticando il mio operato e questo mi fa molto piacere perché fino ad oggi non si era mai interessato di questo problema, che il sottoscritto sta seguendo da tre/quattro anni, risolvendo prima di tutto alcune problematiche che erano sorte dalla precedente Amministrazione. È stata trovata una soluzione per i banchi che erano stati posizionati in via N. Sauro davanti al mercato coperto creando non pochi problemi sia agli espositori che hai cittadini che dovevano passare quasi nella corsie delle auto, trasferendo tutti i banchi nel centro storico grazie anche alla collaborazione degli ambulanti che hanno accettato di ridurre le misure dello stallo. Sono stati fatti molti incontri sia con gli ambulanti  che con le Associazione di categoria presentando varie soluzioni, con   richieste   degli ambulanti per dei banchi nel settore alimentare e nuove disposizioni dei banchi.

Come dice Lucaboni la sua iniziativa è una delle più nobili ascoltare gli ambulanti, ma si deve prima informare della situazione attuale e delle decisione prese in Consiglio Comunale  nel mese di Dicembre 2016 in quanto è stato approvato il procedimento della riorganizzazione del mercato al mercoledì rimanendo al centro con 56 banchi e il sabato con 60 banchi + 4 banchi nel settore alimentare.

Inoltre è stato approvato che il mercato quando ci sono delle manifestazione dovrà essere spostato totalmente, visto che attualmente come delibera della vecchia amministrazione le piazze che si spostano per eventi   sono   Piazza delle Repubblica e Piazza Federico II concordato con le Associazioni e ambulanti creando problemi ai cittadini e penalizzando gli operatori. Riguardo lo spostamento a Porta Valle più della metà degli ambulanti   lo hanno richiesto  con la raccolta firme anche di alcuni operatori presenti in Piazza della Repubblica  anche se le Associazioni sono contrari  o molto indecisi  visto che devono tener conto dei negozianti del centro;  la zona Porta Valle sarà lo sviluppo del mercato futuro di Jesi , stiamo aspettando la risposta dell’ex distributore  davanti al piazzale San Savino in modo da predisporre dei bagni sia per gli ambulanti che per i visitatori, anche perché lo sviluppo potrà essere fino a 100 banchi creando un mercato completo, ma con un mercato del mercoledì che rimarrà al centro storico   con una nuova disposizione. Inoltre al Sabato una volta al mese ci sarà un mercato settoriale, che potrebbe essere Antiquariato, Biologico, ecc. in modo da farlo non solamente un giorno, ma dal venerdì alla domenica. Sarà potenziato il mercato al coperto quello di Nazario Sauro in modo da creare un centro Agroalimentare   nel centro della città con una nuova sistemazione e apertura al pomeriggio visto che attualmente non esiste.

Come dice Lucaboni il braccio di ferro non esiste visto che moltissimi incontri sono stati fatti in Comune e il sottoscritto ha girato nei giorni di mercato parlando con tutti gli ambulanti perciò una partecipazione a 360 gradi di tutti visto che si parla  di Imprese  e perciò anche di Famiglie; cento che gli ambulanti di Piazza della Repubblica sono quelli che si lamentano di più visto che questa piazza non sarà più area mercatale ma è stata una scelta totalmente sbagliata dalla precedente amministrazione.

Riguardo la qualità del materiale   esposto sopra i banchi non   può dipendere dall’Amministrazione, ma dagli espositori che molti di loro hanno venduto o affittato i loro posti, scegliendo di lavorare solamente sul prezzo, ma non sulla qualità. Ringrazio che il candidato Lucaboni riporta nell’articolo il modello Fiere di San Settimio, visto che in questi anni con la mia responsabilità e un GRANDISSIMO lavoro degli uffici, siamo riusciti a migliorare questo evento sia riguardo il percorso e anche la sicurezza.

Ricordo a Lucaboni, che proclamandosi  candidato Sindaco di una lista civica  ma con dei simboli politici vedi Forza Italia e Democrazia Cristiana e non Civismo PURO ma una sorta di lista CAMUFFATA non come quella di Insieme Civico. Se mi posso permettere vorrei dare un consiglio a Lucaboni: prima di fare certe affermazioni si deve documentare, leggere che cosa è stato fino ad oggi in questo settore, e soprattutto ricordo che non sono Assessore, ma un Consigliere con Deleghe, che non è proprio uguale.  Perciò Rifletta prima di parlare visto che si è candidato Sindaco e deve rappresentare la nostra città nel caso in cui vinca le prossime amministrative”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.