I principi del buongoverno, la Mancinelli presenta il suo libro a Jesi | | Password Magazine

I principi del buongoverno, la Mancinelli presenta il suo libro a Jesi

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Valeria Mancinelli e Gianni Moreschi
Valeria Mancinelli e Gianni Moreschi

JESI – “I principi del buongoverno”: la visione, in base ad alcune parole chiave, di un sindaco nel caos del mondo che cambia.
Edito da Piemme, il libro scritto a quattro mani dal Sindaco di Ancona Valeria Mancinelli e dall’assessore alla cultura Paolo Marasca, è stato presentato è Jesi presso una sala gremita di Palazzo dei Convegni.

L’intervista, condotta da Gianni Moreschi, è stata partecipata e eterogenea visti i tanti argomenti affrontati dal Sindaco del Mondo 2018. Questo infatti è il premio che la filantropica City Mayors Foundation ha conferito all’Avvocato Mancinelli e che è all’origine del libro.
“Il titolo non mi piace – confessa l’autrice – non volevo che fosse inteso come una ricetta  o un vademecum. Sono delle linee guida, frutto di una esperienza politica e amministrativa che credo possa essere utile anche ad altri. Non da copiare ma da intendere come un confronto costruttivo. Insieme a Paolo Marasca – continua il Sindaco Mancinelli- abbiamo voluto mettere nero su bianco non cosa abbiamo fatto dal 2013 ad oggi, ma come.”

Il Sindaco di Ancona ha più volte sottolineato l’importanza di una esigenza di riconquista della credibilità nella gestione della cosa pubblica. Di fronte ad un fenomeno sicuramente innegabile ma altrettanto contrastabile, soprattutto a livello locale, come quello delle fake news, vi è anche un “meritato discredito” – parole sue -da parte delle classi dirigenti in ogni settore. Il popolo è certamente traviato dalla mala informazione ma molti dirigenti hanno contribuito a screditarsi . “In questi ultimi decenni – sostiene Mancinelli – alla politica specialmente di sinistra è mancata la coerenza, con una perdita progressiva del rapporto tra i fatti reali e le parole”.

Tante le domande da parte del pubblico che hanno spaziato dalla sanità alla formazione politica per una nuova classe politica dirigente, dalla spettacolarizzazione della politica facendo anche esempi concreti alla necessità di parlare anche alla pancia dei cittadini. “Per governare occorre avere uno sguardo a trentanni e a trenta giorni, una attenzione al quotidiano. Questo vale per la città di Ancona ma anche per la politica in generale”.

Qual è il segreto di un buongoverno, per il Sindaco di Ancona? Farsi circondare da uno staff preparato e competente che spesso sappia fare meglio di te.


Quando le abbiamo chiesto se la Regione Marche fosse matura per un governo al femminile, il Sindaco ha risposto citando Emma Bonino: “La libertà e il potere non te li regala nessuno. Vanno conquistati combattendo e vincendo la competizione. Ma c’è un atteggiamento delle donne che in parte sta cambiando in positivo, ma che è ancora auto censurato. Le donne – afferma Valeria Mancinelli – hanno a lungo considerato il potere e la competizione per il potere come un elemento negativo o ad appannaggio degli uomini. Per superare questo gap, oltre a migliorare la struttura del welfare per agevolare la conciliazione lavoro e famiglia, va migliorato anche l’atteggiamento e il modo di porsi della donne. La cosiddetta meritocrazia non ti viene riconosciuta da nessuno, bisogna competere e non tirarsi indietro. Non è detto poi che si vinca, ma almeno provarci.”

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.