Ichnusa, anche la famosa birra sceglie l’ambiente, arriva il “vuoto a buon rendere”

SARDEGNA – Birra Ichnusa guarda all’ambiente e introduce la bottiglia col tappo verde. Il tema ambientale e molto sentito ultimamente, dal fenomeno mondiale mosso da Greta Thunberg a situazioni locali come i vuoti a rendere o riuso messi in atto, con diverse soluzioni, in comuni del nostro territorio come Jesi, Maiolati Spontini e non solo.  Ora è stato presentato alla stampa l’impianto che produrrà il “Vuoto a buon rendere“, la nuova linea “green” di Ichnusa che verrà prodotta anch’essa presso lo stabilimento del più antico birrificio della Sardegna.

Si tratterà di una bottiglia destinata al momento soprattutto ai bar e ai ristoranti  e si caratterizzerà per il vuoto a rendere, che riprende l’usanza di lasciare un deposito in denaro al negoziante da riprendere poi alla riconsegna della bottiglia di vetro. La famosa “cauzione”. Questa strategia permetterà di utilizzare la stessa bottiglia, e quindi di non introdurne in ambiente delle altre, per almeno 20 anni, tagliando di oltre un terzo le emissioni di gas a effetto serra.  Una scelta green e di sostenibilità.

Ma veniamo alla nuova birra dal tappo verde. Sarà la solita bottiglia, arricchita dalla scritta “rispetto, riuso e impegno“ disponibile nelle versioni da 66, 33 e 25 cl. Il famoso brand sardo ha chiesto il parere del suo territorio su questa iniziativa. Il risultato è stato particolarmente positivo con il 98% degli abitanti dell’isola favorevoli al tappo verde ed il 93,5% pronto ad acquistare questa nuova soluzione rispetto alla precedente.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*