Jesi: «Il metano costa troppo!» e aggredisce l’addetto al rifornimento alla stazione di servizio - Password Magazine

Festival Pergolesi

Jesi: «Il metano costa troppo!» e aggredisce l’addetto al rifornimento alla stazione di servizio

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
La stazione di servizio e a destra il dipendente con la maglietta strappata

JESI – «Il metano costa troppo!»: insulta, strattona e minaccia un dipendente della stazione di servizio.  È accaduto questa mattina a Jesi da MetàBarMetàNo, intorno alle 10, alla stazione metano e punto ristoro di via Cartiere Vecchie.

Una donna, dopo aver richiesto il rifornimento, ha dato in escandescenze aggredendo il personale.

Prima le lamentele per gli aumenti di prezzo del metano poi insulti, parolacce e minacce al giovane che le stava effettuando il rifornimento, come richiesto dalla cliente, e lavando il vetro dell’auto.

«Non hai voglia di fare un c****!» ha urlato la donna all’addetto che, rimasto in silenzio davanti alle provocazioni, a quel punto ha esitato nel proseguire il servizio e si è diretto verso un’altra auto per il rifornimento. Secondo quanto riferiscono i testimoni, a quel punto la donna ha afferrato il ragazzo per la maglietta, strappandogliela a forza di strattoni, poi lo ha afferrato al collo. I gestori sono intervenuti in aiuto del giovane e hanno chiamato i carabinieri. Nei confronti della donna è stata sporta denuncia.

Uno dei gestori della stazione di servizio, Stefania Belardinelli, commenta così lo spiacevole episodio: «Dispiace per quanto accaduto al nostro dipendente, ancora non sappiamo spiegarci i motivi di tanta aggressività da parte della cliente – spiega -. Per quanto riguarda il prezzo del metano, salito alle stelle, va precisato che non dipende da noi distributori. Molti clienti si lamentano del costo, arrivando anche ad insultarci e, addirittura oggi alle mani…ma non è il gestore a deciderlo, pensando a chissà quale speculazione. Le persone sono arrabbiate e in effetti noi lo siamo di più considerando che con questi prezzi le vendite sono in calo. Dunque dove sta la speculazione? Se fossimo noi ad aumentare i costi, rischieremmo di restare senza clienti».

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.