Dexter: storia di un assassino | Password Magazine
Festival Pergolesi

Dexter: storia di un assassino

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

Nel 2006 la Showtime trasmette negli USA la serie Dexter, tratta dal romanzo di Jeff Lindsay “La mano sinistra di Dio”. Nel giro di due anni Dexter diventa una delle serie televisive più viste  anche in Italia, trasmessa nel 2007 da Fox Crime. Dexter Morgan è un tranquillo tecnico della polizia scientifica di Miami, ma di notte è un feroce serial killer che processa ed esegue sentenze di morte seguendo un proprio codice deontologico. Spettatore privilegiato di tutti i casi che la polizia svolge nella contea, Dexter risolve i casi in privato, seguendo metodi degni dei migliori ispettori di romanzi, per poi eseguire condanne che la giustizia ordinaria non riesce a punire. L’idea della serie si basa sulla giustizia imperfetta, sbiadita nelle maglie della burocrazia, debole di fronte a vizi di forma e bravi avvocati.

Rimasto orfano a tre anni, Dexter Morgan viene adottato dal sergente di polizia Harry Morgan. Lo stesso, dopo averlo trovato piangente in una pozza di sangue a fianco il corpo brutalizzato di sua madre. Un inizio macabro che segna profondamente il bambino. Harry, dopo aver capito che il figlio cominciava ad uccidere gli animali, comprende che è sociopatico e che potrebbe essere un potenziale serial killer. Per evitargli la sedia elettrica decide di insegnargli il codice, ovvero un’insieme di regole che Dexter dovrà seguire alla lettera per cercare di incanalare i suoi impulsi violenti verso un fine “più giusto”: uccidere assassini e stupratori sfuggiti alla polizia. In questo contesto si snodano numerose sottotrame, molto importanti per lo svolgimento della serie stessa, come il ruolo della sorella di Dexter, Debra Morgan diventata agente come suo padre, oppure di Rita, futura moglie di Dexter, ma anche del sergente Batista e del tenente LaGuerta. Tutte storie che girano intorno a quella principale, tutti che considerano Dexter l’uomo tranquillo per eccellenza, l’ottimo single, forse un pò introverso, ma dedito alla moralità.

Dexter è l’eroe cattivo. Convinto dell’oscuro privilegio di essere malvagio. Si guarda attorno, compatisce la gente invischiata nei sentimenti. Li vede deboli. Altre volte è l’esatto opposto, e dona speranza allo spettatore che si identifica nella sua moralità. Ecco perché piace. Dexter è tutte queste cose. La certezza dell’animo umano non perfetto, non identi L’insistere sul lato oscuro è forse l’errore. È come se ci ricordasse di volta in volta la sua natura. O è questo l’intento del prodotto pensato per la serialità. Infatti la nuova frontiera del cinema americano è proprio la televisione, cioè i film per la televisione, spezzettati e racchiusi in una serie in continuo rinnovamento, dove si passa dal prodotto finito al prodotto ciclico. Hollywood sta finanziando tutta la “nouvelle vogue” delle produzioni per TV, investendo non solo nel marketing, ma nella qualità del prodotto. In questo caso la fotografia è sintetizzata in due macro aree temporali: toni caldi di giorno, per esaltare l’anima buona del protagonista e il gioioso sole della Florida; e toni caldi di notte, quando l’animo di Dexter assume quei contorni freddi e tremendamente lucidi dell’assassino.

Giuseppe De Lauri

 

 © RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.