Jesi in comune solidale con i lavoratori dell’appalto pulizie dei locali del comune

JESI – Partite iva, lavoratori dipendenti, studenti, disoccupati, associazioni di categoria e sindacati. Nessun escluso all’incontro-dibattito organizzato venerdì sera da Jesi in Comune con alcuni esponeni del mondo del lavoro. Ma anzitutto il comitato politico ha espresso solidarietà ai lavoratori dipendenti della CM service, impegnati nella pulizia dei locali del Comune di Jesi, che hanno proclamato lo sciopero. Nel programma di Jesi in Comune si parla di una consulta per il lavoro e di uno sportello comunale rivolto agli over 50 che hanno perso l’occupazione. “La crisi ormai è lo stato delle cose” ha detto Giuseppe Carancini, segretario Confartigianato Jesi, ricordando il fallimento di imprese storiche del territorio e la conseguente perdita di posti di lavoro. Mohammad El Hasani, per la Cgil, ha messo l’accento sulla qualità del lavoro: “I comuni possono fare molto per favorire l’insediamento delle attività produttive”. “La sinergia tra i territori, penso a Jesi, Senigallia e Fabriano, per accedere ai contributi europei non ha dato frutti” ha detto Maurizio Andreolini per la Cisl. Tanti gli interventi di lavoratori dipendenti e autonomi che hanno voluto raccontare la loro esperienza. A conclusione dei lavori il candidato sindaco Samuele Animali: “L’amministrazione di questi 5 anni equivale a ciò che per l’Italia è stato Il governo Monti. Si stenta ad individuare obiettivi politici, e ora per vincere il Sindaco uscente ha messo insieme tutti coloro che pensano di salire sul carro del vincitore. Se un’amministrazione non sa programmare non possono farlo nemmeno coloro che vogliono mettere su famiglia, accendere un mutuo per comprarsi casa, cambiare attività. Il risultato è che verrà ascoltato solo chi grida più forte o si guadagna l’amicizia di chi comanda”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*